Turismo, l'Isola Polvese sempre più strategica: altri cantieri per recuperare l'ex Chiesa e l'ex roccolo da caccia

Ai lavori di recupero alle ex porcilaie, all’ex essiccatoio, alla fagianaia e alla Piscina Porcinai, si sono aggiunti in questi giorni nuovi cantieri

Sempre più strategica, ai fini ambientali e turistici, la bellissima Isola Polvese, la più grande delle isole del Trasimeno. La dimostrazione sta nell'imponente opera di rigualificazione che procede senza sosta, anche in questi giorni di estate.  Ai lavori di recupero alle ex porcilaie, all’ex essiccatoio, alla fagianaia e alla Piscina Porcinai, si sono aggiunti in questi giorni i cantieri per il recupero dell’ex roccolo di caccia e della ex Chiesa di S. Maria della Cerqua. Interventi che comportano un investimento di circa 330.000 euro e che portano così ad oltre un milione il valore dell’intera operazione di riqualificazione dell’Isola.

“Prosegue – dichiara il vicepresidente della Provincia di Perugia Sandro Pasquali - l’importante opera di valorizzazione della Polvese, un grande investimento i cui effetti non si limiteranno alla sola isola, ma avranno ricadute su tutto il territorio del Trasimeno”. L’ex roccolo di caccia si colloca all’interno della funzione di “tenuta di caccia” dell’intera Isola, a partire dai Pianciani fino ai Citterio. E’ un complesso di modeste dimensioni, costituito da un piccolo edificio e da un’area esterna a forma ovale.

Adibito dai Citterio a punto di richiamo a scopo di caccia con le armi della avifauna stanziale o migratoria che transitava, nidificava o viveva sull’Isola, il piccolo complesso venatorio conserva tuttora la presenza dei due elementi principali: un edificio immerso in un boschetto costituito da alberature e arbusti messi a dimora sia per nasconderlo e mimetizzarlo che per fungere da richiamo; l’area esterna sistemata “a invaso”, circondata da vegetazione sia all’interno che lungo il perimetro.

L’intervento è finalizzato alla riqualificazione funzionale a scopo didattico, dimostrativo e turistico del patrimonio architettonico, ambientale e paesaggistico dell’isola Polvese. Nello specifico, la finalità del progetto è quella di recuperare e ripristinate l’habitat originario dell’ex roccolo e della pertinenza esterna al fine di riproporre il punto di richiamo per l’avifauna a scopo di avvistamento con finalità prevalentemente didattiche. Partendo dalla scelta di tecnologie essenzialmente conservative, volte all’utilizzo prevalente di materiali naturali, si raggiungeranno obiettivi di sostenibilità ambientale. 

I lavori, infatti, saranno eseguiti utilizzando prevalentemente tecniche e materiali a basso impatto che prevedono prevalentemente l’utilizzo di prodotti non tossici e non inquinanti. Gli ambienti resteranno divisi nello stesso modo, ma avranno la funzione di sala di avvistamento e salette didattiche. Anche per quanto riguarda le aree esterne, l’intervento è di tipo conservativo, teso a ricreare un contesto del tutto simile a quello per cui il roccolo è nato, tenendo in debita considerazione che non servirà più per la caccia, ma per l’osservazione dell’avifauna.

La “Ex Chiesa di S. Maria della Cerqua”, invece, ridotta a rudere e parte dell’insieme di immobili denominato “Zona Borgo”, costituiva un importante luogo di culto della storia religiosa dell’isola. Intorno al 1420 si hanno le prime notizie sulla Chiesa che era diventata parrocchiale per comodità degli abitanti della Polvese, altrimenti costretti a recarsi alla chiesa di San Secondo, troppo lontana dal “Borgo”. Ad oggi buona parte della struttura è stata profondamente alterata per la realizzazione di un ricovero per le api voluta dal proprietario Biagio Biagiotti (1939-1959), tanto che l’unica parte visibile della ex Chiesa è costituita dal campanile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’obiettivo del progetto è quello di restituire al patrimonio storico e paesaggistico dell’Isola la “Chiesa di S. Maria della Cerqua” proprio per il valore storico che essa ha rappresentato per questo territorio. Si è cercato di garantire pertanto la visitabilità del rudere mediante un intervento di recupero e restauro che permetta anche la fruizione in parte dello spazio coperto attualmente esistente (tettoia), sia per scopi didattici sia, mediante l’istallazione di appositi pannelli indicatori ed illustrativi, per la corretta fruizione e conoscenza della sentieristica dell’isola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento