Inviato cittadino - Sagrato della cattedrale dopo un sabato notte: scritte, cocci di bottiglia e sporcizia

Quel luogo sacro di storia e di preghiera è divenuto paradigma di degrado

Sagrato della cattedrale dopo un sabato notte di delirio: scritte, cocci di bottiglia, pedate dei gradini appiccicose di liquidi vari e… uno sporco ributtante. Quel luogo sacro di storia e di preghiera è divenuto paradigma di degrado. Le cose vanno sempre peggio. Tutta la notte a urlare e a bere. Del gruppo selvaggio fanno parte ragazzini letteralmente strafatti (ma le famiglie dove sono?). Anonimi e intercambiabili, barcollano senza sapere più chi sono e dove si trovano. E perché sono lì. Già: perché?

Dice il defensor civitatis Gianluca Papalini, vigile residente di Porta Sole e strenuo tutore della dignità cittadina: “Sono uscito stamattina alle 4:30 e ho visto ancora quei fantasmi: uno spettacolo penoso, un’umanità degradata, stravolta, inebetita. Non vanno nemmeno a letto. Alle prime ore del mattino, quelli che non avevano ancora smaltito le sostanze assunte, stavano attaccati ai brick di Tavernello”.

Bevono di tutto, specie robaccia, questi giovani. Ci sono, in città, esercizi che spacciano, a prezzi stracciati, alcoolici monnezza: i ragazzini li trangugiano e stanno male. Tutta la città chiede aiuto alla politica, alle forze di polizia, alle persone più responsabili. Fa male al cuore, e alle coscienze, avvertire la vertigine dell’abisso in cui stiamo precipitando.

La Fontana di piazza è ricoperta da deiezioni di volatili. Stamattina un operatore dell’acropoli è passato per via delle Cantine, luogo ormai assurto a prototipo di squallore, orinatoio a cielo aperto. Ha chiamato la Gesenu. “Stamane – dice – non sono venuti a pulire, disinfettare, deodorare. Tocca passarci di corsa per non svenire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bianco dei travertini viene immondamente sporcato da individui persi, nemici della bellezza e della dignità di una città che ne ha viste di tutte. Ma che, realisticamente, è arrivata al capolinea. O si cambia, o si muore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento