menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inviato Cittadino - In via del Pasticcio l'incubo dello spaccio è tornato

Punti come via del Pasticcio, proprio in forza dei suoi molti rimbocchi che consentono agevoli vie di fuga, sono elettivi per l’esercizio di vari reati. Come anche via Bella, via dei Ciechi, che collegano lo Slargo con via del Roscetto, via della Viola e stradine adiacenti

Che pasticcio in via del… Pasticcio. E alla Pesa riprende vigore lo spaccio, a tutte le ore e in tutti i vicoli del Borgo Sant’Antonio. Via del Pasticcio è una viuzza stretta e lunga, parallela a corso Bersaglieri. È ancora densamente abitata da vecchi residenti e da qualche studente. Viene intersecata da diverse stradine a pettine, mini-rimbocchi che la mettono in comunicazione col corso.

Molti fondi e cantine sono stati impropriamente trasformati in mini appartamenti, senza finestre e senza luce. Le condizioni igienico-sanitarie, anche per effetto dello scambio d’aria inesistente, risultano precarie. Questi mini sono il frutto avvelenato di amministrazioni compiacenti che hanno cercato il facile consenso dei cittadini-elettori. Tanto che c’è stato un momento – negli anni dell’esplosione dell’Università – in cui non concedere le autorizzazioni  era impossibile, tanta era la pressione di interessi.

La presenza di numerosi studenti italiani e stranieri muoveva il mercato degli affitti e non erano poche le famiglie, specie alla Pesa e in corso Garibaldi, che integravano i redditi con locazioni, spesso in nero. Ora molti di quei bassi sono sfitti e non di rado vengono occupati da irregolari.

La Pesa è peraltro afflitta dalla piaga dello spaccio. Si cominciò negli anni Settanta con la Casa della Vergogna, allo slargo, sopra l’antica bettola di Argentino.

Poi la repressione e la presenza delle Associazioni, come Porta Pesa e Borgo S. Antonio di Francesco Pinelli, hanno avuto i loro effetti.

Ora lo spaccio riparte alla grande. E i personaggi che ne sono protagonisti sono sempre gli stessi: ben noti ai residenti e alle forze di polizia. Ci fu un momento in cui la presenza del Portiere di Quartiere sembrò riportare un po’ di controllo. Ma poi l’esperienza è stata improvvidamente abbandonata.

Punti come via del Pasticcio, proprio in forza dei suoi molti rimbocchi che consentono agevoli vie di fuga, sono elettivi per l’esercizio di vari reati. Come anche via Bella, via dei Ciechi, che collegano lo Slargo con via del Roscetto, via della Viola e stradine adiacenti. È d’obbligo tenere sotto controllo questi luoghi. Altrimenti furti, spaccio e scippi torneranno a farla da padroni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento