Inviato Cittadino | Lo storico orologio della Perugina è riparato ed efficiente… ma il Comune non sa che farsene e non lo ritira

Fu il direttore Giacomo Santucci, bella figura di educatore, a recuperarlo, quel vecchio orologio, a tirarlo fuori dai detriti della demolizione e farlo apporre alla parete della sua scuola

foto esclusive di Sandro Allegrini

Lo storico orologio della Perugina, recuperato da Giacomo Santucci, è riparato ed efficiente… ma il Comune non sa che farsene e non lo ritira. La storia è ormai divenuta stucchevole. Ha superato i limiti della decenza. Sta diventando addirittura ridicola. L’Inviato Cittadino, su segnalazione dell’amico Cesare Barbanera, raccontò la storia di quell’orologio, abbandonato fra le macerie della fabbrica demolita. Per fare largo a quel “capolavoro” della Nuova Fontivegge (sarà l’aggettivo “nuovo” che porta jella! È successo a Monteluce, succederà ai Tabacchi).

Fu il direttore Giacomo Santucci, bella figura di educatore, a recuperarlo, quel vecchio orologio, a tirarlo fuori dai detriti della demolizione e farlo apporre alla parete della sua scuola: la Comparozzi (https://www.perugiatoday.it/attualita/ex-fabbrica-perugina-fontivegge-reperti-madonna-alta.html). L’idea era quella di ristabilire il filo rosso che lega le generazioni. Quell’orologio aveva scandito le ore della giornata di tanti lavoratori. Gli studenti lo avrebbero adottato come cimelio e insieme simbolo della loro persuasa appartenenza alla città di Perugia. Ricordando genitori e nonni che in quella fabbrica si erano riconosciuti.

Il cimelio rimase lì per anni – dopo la scomparsa del “direttore” – perdendo efficienza e funzionalità, ossidato e negletto, per giunta oscurato dalla chioma di un pino (foto 2). Ne scrissi su queste colonne e il gruppo facebook Pulchra Perusia (nelle persone di Leonardo Belardi e Mila Breccolenti, seguiti da altri soci) si offrì di pagare per il suo restauro. Si fece parte attiva l’allora consigliera comunale Lorena Pittola che assecondò convintamente i primi passaggi dell’operazione.

L’oggetto venne consegnato all’orologeria Pazzaglia di piazza Ansidei. Quegli abili artigiani, con impegno e dedizione, lo ricromarono, ricostruirono il quadrante in vetro con serigrafate le ore, sabbiarono, ripulirono e riverniciarono le sfere, lo rimisero in condizione di funzionare, riattivando il sistema di alimentazione (https://www.perugiatoday.it/attualita/orologio-perugina-inviato-cittadino.html). Insomma: operarono una perfetta “restitutio ad integrum”. Qualcuno propose di piazzarlo, quel cimelio, nella zona co-working di Fontivegge. Poi le elezioni, il cambio di amministrazione (nella continuità del Capo della stessa) e tutto cadde. In un dimenticatoio colpevole e ingiustificabile.

Leonardo Belardi sollecitò invano, fino allo stremo, amministratori e dirigenti. Ma quell’orologio è lì da molti mesi, nel laboratorio Pazzaglia (foto 1), col suo notevole ingombro, senza che nessuno si faccia carico di ritirarlo e riposizionarlo. Triste monumento dell’inefficienza e della cattiva volontà. Ora, Cesare Barbanera, che dette l’input iniziale, scrive: “Ci piacerebbe sapere che fine ha fatto quell'orologio, recuperato dalle macerie della fabbrica dolciaria la Perugina di via Mario Angeloni (foto 3), dall'allora direttore didattico Giacomo Santucci e posto sopra l'ingresso della scuola Comparozzi. Quell'orologio, come scrisse @Sandro Allegrini, ​ ha per anni scandito i turni di lavoro e la vita di tante persone, operai e impiegati della Perugina. Andrebbe riposizionato all'ingresso della scuola, come testimonianza di una città che non dimentica i nostri educatori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La proposta di ricollocarlo dove stava mi sembra sensata. La giro a Leonardo Belardi e agli amministratori del Comune di Perugia. Sempre che abbiano orecchie per ascoltare. Del qual fatto viene seriamente da dubitare. Ad almeno un paio d’anni di distanza, nessuno si è fatto avanti per ritirare un dono fatto alla città, da un gruppo di affezionati cittadini, in onore della sua storia. Una vicenda dai contorni che ci asteniamo dal definire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento