Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

INVIATO CITTADINO Il Palazzo delle Poste-Tribunale marca visita. Colossale palco montato su via Fani

“Manutenzione straordinaria porzione di copertura”, recita la scritta sul cartello di cantiere.

Il Palazzo delle Poste-Tribunale marca visita. Colossale palco montato su via Fani. Ne avevamo anticipato problemi di sicurezza, legati alla caduta di frammenti nella strada urbana, intitolata al nome del giureconsulto e parlamentare Cesare Fani [Cadono calcinacci in via Fani, il palazzo delle Poste-Tribunale perde pezzi (perugiatoday.it)]. L’Inviato Cittadino ne fu testimone oculare nel corso di una deambulatio matutina per strade e piazze della Vetusta (foto). Ora una mastodontica impalcatura fa mostra di sé nell’antico ‘rimbocco’ [strada di collegamento fra due vie o piazze principali, come la Platea parva (piazza Matteotti) e la Platea magna (piazza IV Novembre e inizio di corso Vannucci] cui i perugini vollero assegnare nel Medioevo il toponimo di Via della Chiavica [Quando via Fani era Via della Chiavica (perugiatoday.it)] o Rimbocco dei Pollajoli (dal nome dei commercianti che vi esercitavano l’attività).

3 Prospettiva su via Fani con sfondo Palazzo dei Priori-2Il grande palazzo in stile liberty è passato – come recita il libro di Carlo Trabolotti e Stefano Vicarelli – “dal francobollo alla carta bollata”, ma ben pochi (se non inesistenti) risultano gli interventi di conservazione o restauro effettuati nel corso degli anni. Nemmeno, direi, l’ordinaria manutenzione, sempre necessaria e doverosamente sistematica. C’è chi ricorda, polemicamente, che poco o nulla è cambiato. Essendo stata questa la sede del Tempio delle Lasche e del malfamato quartiere a luci rosse, denominato ironicamente “Malacucina”. Ma, evocazioni storiche e ironie a parte, i nodi vengono al pettine e le situazioni si deteriorano (guardate lo stato dei lampioni, rugginosi e precari, e direte se sto esagerando). Fino al punto che, a seguito della trascurata custodia, si è dovuta ravvisare la necessità e l’urgenza di intervenire. Tanto che il gran montaggio di tubi e passerelle avvolge ora il palazzo su tutto il versante lungo via Fani, fino al dente (non bello) che lo collega a Palazzo Ajò.

“Manutenzione straordinaria porzione di copertura”, recita la scritta sul cartello di cantiere. Per ora, si sarà attivi su questo lato, ma non sono poche le opere da realizzare lungo piazza Matteotti, nella porzione che prospetta il Palazzo del Bargello. Più confortante appare la situazione in via Mazzini. Ma avremo modo di tornare in argomento. Segnalando le tante, troppe omissioni alle quali pare giunto il momento di porre mano. Insomma: stante l’importanza del palazzo e delle sue funzioni, non si può tenerlo in condizioni che ne sviliscano la dignità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Il Palazzo delle Poste-Tribunale marca visita. Colossale palco montato su via Fani

PerugiaToday è in caricamento