INVIATO CITTADINO Bentornata fontanella dei Giardinetti Carducci. E bambini di oggi riscoprono lo squizzo

Bentornata fontanella dei Giardinetti. E i bambini di oggi riscoprono il gioco dello “squizzo”. Di vicissitudini ne ha subite veramente tante. E noi le abbiamo raccontate per filo e per segno. Ma ormai era in età da pensione. Anzi: in condizioni da discarica. L’hanno colpita, fracassata più di una volta. E, perfino dopo il restauro di Andrea Gobbi, le ha di nuovo buscate. Segno che - vittima di un destino cinico e baro - era proprio giunta la sua ora. Tanti anni di onorato servizio per offrire il refrigerio di quello che un tempo si diceva “nocerino”, ossia una bevuta del prezioso liquido proveniente da Nocera. Ma oggi la Scirca, Cannara, acqua di Nocera… viene tutto mischiato e le nobili fontanelle pubbliche erogano un mix, potabilissimo ma non doc. E torniamo alla fontanella che, ovviamente, non è più quella.
L’ha costruita ex novo un artigiano marmista attenendosi al modello, alla forma, alle dimensioni, ai materiali di quella defunta.

L’hanno riposizionata al posto di quella metallica “provvisoria”, brutta da non dire, proprio di fronte al monumento bronzeo del divin pittore Pietro Perugino. Se ne auspicava il ricollocamento sotto l’albero, all’ombra che rinfresca, ma hanno deciso di ricollocarla lì nel mezzo a “impicciare”. Specie nel corso di eventi: quando i venditore di bibite e panini la inglobano nel tendone, nascondendola alla vista. E gli utenti? Tanti. Bere “a gràtise” attira sempre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Abbiamo inoltre scoperto che, al di là del passare dei decenni, i bambini dell’elettronica e del multimediale giocano ancora allo “squizzo”. In cosa consiste e come si fa? Semplicissimo! Basta otturare col dito il tubicino d’uscita del liquido e, quando proprio non ce la fai a resistere, lo togli e lo schizzo di acqua va in alto. Tanto più alto per quanta più pressione si è accumulata. Nel vedere dei bambini praticare quel gioco, l’Inviato Cittadino ha riflettuto che certe volte tutto cambia, restando come prima. Vale per le canelline, non meno che per gli uomini.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento