Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

INTERVISTA | Trecchiodi: "No alla stazione di Alta velocità Media Etruria, più Frecciarossa per l'Umbria"

Trecchiodi non molla. Caro Melasecche, niente di personale, ma molto da eccepire in merito alle tue scelte e alle asserzioni che presiedono alle stesse.

Commenta stizzito l’esperto di trasportistica, ex colonnello pilota dell’aeronautica militare: “Non avrei mai immaginato che alla guida dei trasporti sarebbe stato insediato un personaggio che decide in modo così sbagliato le sorti della mobilità regionale, soprattutto contro un miglioramento degli spostamenti dei nostri concittadini utilizzando il nostro assetto ferroviario.

Cosa dovrebbe fare?
“Dovrebbe battersi per far ragionare il governo affinché alcuni Frecciarossa siano deviati in Umbria a spese dello Stato, non farsi giustificare di portare gli umbri alla media Etruria perché i Frecciarossa ci costerebbero troppo! Tutti i treni hanno un costo, ma il Frecciarossa perugino trasporta, per la sua appetibilità, 4 volte tanto i passeggeri del treno più blasonato che è l'Intercity Tacito. Questo non basta?”

Per quali motivi lo Stato dovrebbe finanziare direttamente un certo numero di Frecciarossa per l’Umbria? “Per compensare in qualche modo le condizioni di essere stati, oggettivamente, tagliati fuori dalle grandi direttrici”.

A proposito dei Frecciarossa? “L’assessore sbaglia di grosso e persevera. Confermando il detto “Errare humanum, perseverare diabolicum”.
Dove sbaglia Melasecche? “Pecca sottolineando che i Frecciarossa ci costano troppo e quindi non ce li possiamo permettere”.
 

Pare sia un’operazione costosa, vero? “Certamente: uno spreco. Sappiamo che tra la realizzazione della stessa e le opere accessorie, il costo totale ammonterà a 320 milioni di Euro!”.
Perché sono troppi? E dove sta il paradosso di cui ti lamenti? “Il paradosso, evidentemente, sta nel fatto che l’opera verrà realizzata a 9 km da Arezzo, tramite il Ricovery plan umbro, da spendere in Toscana. È una cifra talmente alta che sarebbe sufficiente per raddoppiare 20 chilometri della nostra Foligno Terontola! Insomma, si spendono denari a beneficio di altri, senza ritorno di vantaggi per gli umbri! Anzi: arrecando un danno al turismo e al viaggiatore umbro”.

Allora, che fare? “Certe scelte vanno assolutamente bloccate”.
Di chi il compito? “In primis, delle teste sagge di tutti i consiglieri regionali, oltre al compito spettante all’opposizione. Ma, per quello che si vede, almeno fino ad oggi, perfino l’opposizione non muove foglia”.

Insomma: ignoranza dei problemi e incompetenza a trovare soluzioni vantaggiose per noi umbri? “Forse perché nessuno è specializzato nel settore ferroviario. Succede, per carità! Però potrebbero ovviare a questo limite culturale promuovendo incontri tra quanti, invece, se ne intendono, per poter imboccare la strada giusta”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INTERVISTA | Trecchiodi: "No alla stazione di Alta velocità Media Etruria, più Frecciarossa per l'Umbria"

PerugiaToday è in caricamento