Omicidio Rosi, interrogatorio: uno degli arrestati ammette stupro Resina

Durante l'interrogatorio in carcere davanti ai pm Duchini e Petrazzini, I.G avrebbe confessato lo stupro ai danni della 54enne durante la rapina perpetuata a Resina

Uno dei tre romeni arrestati per l'omicidio di Ramazzano, dove Luca Rosi, il bancario 38enne è morto per difendere la famiglia a Perugia, I.G. avrebbe ammesso lo stupro perpetuato a danno della 54enne durante la rapina di Resina.

Lo straniero avrebbe confermato la sua responsabilità, dopo che le tracce biologiche avevano dato agli inquirenti alcune certezze, che durante l'interrogatorio sono state confermate davanti ai pm Antonella Duchini e Giuseppe Petrazzini.

I. G. ha risposto alle domande sulla rapina di Resina, ma ha preferito, secondo il Giornale dell'Umbria, non rispondere alle domande sui tragici fatti di Ramazzano, scelta alla quale si è accodato anche A.R., l'altro romeno arrestato per l'omcidio di Ramazzano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guarda il video degli arresti e le parole di Bruno Rosi, appena ricevuta la notizia del fermo dei due romeni, avvenuto con un blitz all'estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

  • Magione, una serata da incubo: invasione di chironomidi

  • Intasca i soldi delle giocate del Lotto, titolare di rivendita condannata dalla Corte dei conti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento