Cronaca

Perugia, i cuccioli dei vicini danno fastidio e lei si vendica deturpando il portone di casa

L'imputata avrebbe inciso degli insulti sulla porta di ingresso. Scoperta con le telecamere posizionate da un investigatore privato

Una cucciolata fa scatenare la vendetta in condominio e poi un processo a carico di una donna, accusata di aver inciso frasi offensive sul portone di casa della vicina di casa, con tanto di immagini di una telecamere posizionata da un investigatore privato.

L’imputata, difesa dall’avvocato Giuseppe Innamorati, è accusata di aver danneggiato “il portone d’ingresso dell’appartamento” della parte offesa, costituitasi parte civile tramite l’avvocato Giuseppe De Lio, “con oggetto verosimilmente appuntito. Sul portone, secondo l’accusa, sarebbe stata tracciata la frase: “Sudici”.

Secondo l’accusa, già nel 2015, quando la cagna della vicina di casa aveva partorito la prima cucciolata, erano iniziati “diverbi e litigi continui con parte del vicinato”. Episodi che avevano preoccupato la donna e il suo compagno, tanto da conferire un incarico ad una agenzia di investigazioni private “perché la proprietà era stata oggetto di veri e propri danneggiamenti”.

L’investigatore aveva installato una telecamera e il 5 aprile del 2019 “una condomina”, riconosciuta poi dalla parte offesa, “si piegava verso il portone e incideva una scritta”. Sul portone di ingresso dell’appartamento, infatti, risultava incisa con un punteruolo la parola “sudici”. Un comportamento che, oltre al danneggiamento, gettava “nel più profondo sconforto, diffamando e rendendo, agli occhi degli altri condomini, per l’appunto ‘sudicia’” la parte offesa.

L’udienza di oggi è stata rinviata a causa dell’assenza dei testimoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, i cuccioli dei vicini danno fastidio e lei si vendica deturpando il portone di casa
PerugiaToday è in caricamento