menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Atti sessuali con un 14enne, chiesta dal Pm una dura condanna per la sexy prof

La donna è accusata di aver avuto rapporti sessuali con uno studente. I legali della famiglia, parte civile nel processo, hanno chiesto un risarcimento di 100 mila euro

Una professoressa - a processo perché accusata di aver avuto rapporti sessuali con un giovanissimo studente di 14 anni - potrebbe ora rischiare 3 anni e dieci mesi di carcere. E’ questa la pena richiesta dal pm Petrazzini, oltre all'interdizione dai pubblici uffici (per il periodo della condanna). Secondo l’accusa l’insegnante avrebbe compiuti atti sessuali, in particolate palpeggiamenti delle parti intime e baci in bocca. Avrebbe inoltre pronunciato, nei confronti del giovane, frasi inequivocabili come “Se vieni a casa mia ti faccio impazzire”. Si tornerà in aula il prossimo 24 gennaio per il pronunciamento della sentenza.  

Il giovane, parte civile nel processo insieme alla famiglia, è difeso dagli avvocati Carlo Bizzarri e Gian Gabriele Binaglia, che hanno chiesto un risarcimento di 100mila euro.  A incastrare l’insegnate, furono delle frasi scritte sul diario del giovane e alcuni sms dal contenuto esplicito. I fatti risalgono al 2010. Per la donna, difesa dagli avvocati Luca Patalini e Diana Iraci Borgia, si è aperto così un procedimento giudiziario anche se lei si è sempre dichiarata innocente anche nell'ultima udienza dove i legali hanno chiesto l'assoluzione perchè il fatto non susiste. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento