Foligno, allarme pozzi inquinati: sindaco vieta di bere acqua

Nuovo allarme a Foligno, per quanto riguarda i pozzi inquinati nelle aree di San Giovanni Profiamma fino alla zona artigianale, del centro storico, fino a giungere in via Montegrappa, oltre i confini cittadini

A Foligno torna lo spettro dell'inquinamento della falda idrica, situazione che ha costretto il sindaco Nando Mismetti a firmare una nuova ordinanza che vieta l’utilizzo dell’acqua dei pozzi per finalità destinate al consumo umano e per uso irriguo nella produzione di alimenti, nelle zone indicate come: San Giovanni Profiamma, plume di Foligno e Sterpete.

La decisione è stata preso dopo i rilievi dell'Arpa e il parere della Asl 3 che ha riscontrato valori di volte sopra la soglia di contaminazione nelle succitate aree. Inoltre l'inquinamento dei pozzi potrebbe aver interessato anche le aree periferiche del comune di Spello

Il fenomeno, dunque si è originato da tre punti diversi, sviluppandosi successivamente in tre direzioni diverse, che abbracciano aree come il centro e più periferiche come il porto.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento