Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Corciano

Camionista deceduto a Corciano, la Cgil trasporti: "Ingiusto morire sul lavoro a 72 anni"

Presa di posizione del sindacato: "Occorre ringiovanire il settore. Non si può stare su un camion a quell'età"

Il camionista di 72 morto oggi sulla strada a Corciano, a causa di un malore che lo ha colto mentre guidava, con il mezzo che si è poi ribaltato allo svincolo davanti alla zona commerciale tra Ellera e Corciano, ha suscitato la dura presa di posizione del sindacato di categoria della Cgil.

La Filt Cgil dell’Umbria ha espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia del camionista perugino morto oggi mentre era alla guida del suo mezzo all’altezza di Ellera di Corciano, ma ha anche suscitato una serie di riflessioni e proteste.

Camion si ribalta a Ellera di Corciano, morto il conducente

"Crediamo che a 72 anni non si possa e non si debba svolgere una professione così usurante e faticosa come quella dell’autotrasportatore - afferma Sandro Gentili, del sindacato dei trasporti Cgil - e che quindi questa tragedia debba far riflettere sulla necessità di ringiovanire un settore in cui l’età media dei lavoratori continua inesorabilmente ad avanzare, basti pensare che, secondo gli ultimi dati disponibili, solo il 18,1% di chi guida un mezzo pesante in Italia ha meno di 40 anni. Al tempo stesso - conclude Gentili - è necessario salvaguardare ed accrescere il benessere degli autotrasportatori, migliorando le condizioni lavorative di chi muove le merci che fanno andare avanti il paese".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camionista deceduto a Corciano, la Cgil trasporti: "Ingiusto morire sul lavoro a 72 anni"

PerugiaToday è in caricamento