Inchiesta sanità - Maxi sequestro di cellulari e profili social e spuntano cinque nuovi indagati: i nomi

La procura ha nominato due consulenti per analizzare tutto il materiale requisito

Telefoni, tablet, chiavette usb, computer e hard disk. La procura di Perugia ha sequestrato una ingente mole di materiale riferibile agli indagati dell’inchiesta sanità. Le acquisizioni riguardano anche account di posta elettronica, Whatsapp, Facebook, Messenger, Instagram e Telegram. 

VIDEO Inchiesta sanità, proseguono gli interrogatori. L'avvocato Brunelli: "Barberini ha dimostrato di non aver fatto raccomandazioni" 
Inchiesta sanità - Bocci e Valorosi in silenzio, Barberini parla e spiega: "Mai raccomandato nessuno"

I consulenti nominati dalla procura perugina dovranno passare al setaccio tutto il materiale a caccia di elementi utili per l’indagine. 

Inchiesta sanità, Antonio Onnis nuovo commissario straordinario dell'azienda ospedaliera di Perugia

Intanto nell’inchiesta compaiono anche nuovi nomi e qualcuno di quelli che si trova nelle intercettazioni (lo riportano alcune testate cartacee e online): Reno Vitali, Alberto Palazzetti, Anna Cataldi, Tiziana Ceccucci e Patrizia Borghesi.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento