menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti d'oro, in 12 rinviati a giudizio e super multe per Gesenu e Tsa

Si chiude dopo due anni l'udienza preliminare per i reati ambientali contestati alla ex dirigenza delle società che gestiscono lo smaltimento dei rifiuti

Dodici rinvii a giudizio e multe pesantissime. È la decisione del giudice per l’udienza preliminare Natalia Giubilei sulla maxi inchiesta “Spazzatura d’oro connection” che aveva portato in tribunale 23 imputati (16 persone e 7 aziende), 29 parti offese di cui 25 Comuni umbri e la Comunità Inceneritori Zero.

Al centro dell'inchiesta la presunta malagestione dei rifiuti: la Procura contestava a 10 imputati anche l'associazione finalizzata a una serie indeterminata di reati di traffico dei rifiuti, gestione illecita, inquinamento ambientale, falso in registri e in atto pubblico, frode in pubbliche forniture, truffa aggravata e "comunque attività illecite necessarie a consentire il conseguimento di profitti ingiusti da parte di Gesenu, di Tsa (Trasimeno Servizi Ambientali) e della Gest nel settore della gestione rifiuti solidi urbani prodotti dai comuni della provincia di Perugia e associati nell'Ati 2".

Il gup ha anche sanzionato Gesenu e Tsa, società che hanno patteggiato, con una 140mila euro la prima e 120mila la seconda, con l’interdizione pe r8 mesi da gare e appalti. Stabilita una confisca di 366mila euro per Gesenu e 300mila per Tsa.

Secondo gli investigatori sarebbero stati trattati abusivamente ingenti quantità di rifiuti utilizzando l'impianto di Ponte Rio e, in più occasioni attribuendo ai rifiuti stessi una falsa codifica per farli rientrare tra le tipologie di quelli autorizzati al trattamento di selezione.

Tra le costituzioni di parte civile non solo gli 11 Comuni del Trasimeno (capofila quello di Corciano) e rappresentati dall'avvocato Massimo Degli Esposti, ma anche il Comune di Perugia (avvocato Luca Gentili), Umbertide (Giovanni Zurino), Assisi, Bastia, Lisciano Niccone, Torgiano, Deruta, Fratta Todina, Todi, Valfabbrica.

Tra gli avvocati difensori ci sono: Nicola di Mario, Francesco Falcinelli, David Brunelli, Giancarlo Viti, Giuseppe La Spina, Giovanni Spina, Giuseppe Caforio, Alessandro Ciglioni, Michela Paganelli, Franco Libori, Cosimo Gabriele Caforio, Nerio Zuccaccia, Dario Buzzelli, Chiara Peparello, Giovanni Gabriele Corbucci, Michele Bromuri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento