Agello, 3 anni dopo il sisma: inaugurata nuova scuola primaria

Bambini in festa e tante le autorità civili presenti alla cerimonia di inaugurazione della nuova scuola primaria di Agello. L'edificio era inagibile a causa del terremoto del 2009

 È stata una grande festa per bambini e genitori che, al suono della Filarmonica del paese, hanno accompagnato con il battito delle mani la musica che ha dato inizio, sabato 15 settembre, alla cerimonia di inaugurazione della nuova scuola primaria di Agello.

L’edificio, lesionato e reso inagibile a causa del terremoto del 15 dicembre 2009, è stato ristrutturato secondo le norme in materia di sicurezza antisismica, sono state eliminate le barriere architettoniche e grazie alla disponibilità di grandi e luminosi spazi, è stato dotato di aule attrezzate, dove sarà possibile svolgere attività integrative.

La nuova scuola, posta nel centro storico del paese in uno dei luoghi più antichi, le sue basi sono un edificio medievale, è dotata di una sala musica, di un’aula per l’informatica, di una palestra interna.

"La riapertura di questa scuola – ha dichiarato il sindaco Massimo Alunni Proietti – rappresenta un momento importante per tanti motivi: il superamento di quel trauma terribile, dovuto al  terremoto, che portò alla sua chiusura; la restituzione alla collettività di Agello di uno degli elementi fondamentali del vivere comune che la scuola, perché luogo di incontro e di sapere, rappresenta; la possibilità per questi bambini di poter continuare a studiare nel luogo in cui vive la memoria storica del loro passato".

Il primo cittadino ha quindi ricordato l’importante ruolo svolto da tutti i livelli istituzionali per dare pronta soluzione al problema sia nella fase post terremoto che in quella della ricostruzione. La Provincia di Perugia, presente all’inaugurazione nella persona dell’assessore Piero Mignini, mise immediatamente  a disposizione alcune aule dell’ITC di Magione consentendo la corretta prosecuzione delle lezioni; la Regione dell’Umbria, presente nella persona dell’assessore Franco Tomassoni, garantendo i contributi necessari; tutti i parlamentari umbri, di tutte le forze politiche, per aver sostenuto in Parlamento la richiesta di contributi. All’inaugurazione è intervenuto anche il parlamentare Walter Verini.

Presenti assessori comunali, insegnanti, il presidente della Pro Loco, Gianni Dentini ed il parroco, padre Ciaffoloni, l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Magione, Nazareno Annetti, ha  ricordato che grazie al lavoro di équipe, che ha visto l’ufficio lavori pubblici operare in stretta sinergia con la ditta vincitrice dell’appalto, di cui si è elogiata la qualità del lavoro ”è stato realizzato con una spesa di 650mila euro, invece del milione previsto, e in tempi più brevi del previsto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La dirigente scolastica, Giovanna Filomeni, nel porre l’accento sulle grandi opportunità che la nuova scuola offre in termini di spazio e di qualità dell’offerta formativa, ha auspicato la possibilità che questa possa accogliere non solo i bambini di Agello ma anche quelli provenienti da tutto il territorio sia comunale sia intercomunale.

Dalle finestre delle aule si gode il panorama di pianure e colline che arriva fino al lago. Posta nella parte più alta del paese, la scuola è raggiungibile a piedi in un paio di minuti dal parcheggio che ha più di ottanta posti auto. È in progetto anche un piedibus con lo scopo di educare le nuove generazioni a raggiungere la propria scuola con percorsi pedonali.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento