Il ricordo. Cinque anni senza Don Elio Bromuri. "Sacerdote, intellettuale e grande perugino"

Il cardinale Bassetti: «Don Elio, un uomo e un sacerdote che si è donato completamente per servire la Parola e il Popolo di Dio»

"Un uomo, un sacerdote di grande valore, un intellettuale acuto, un vero perugino". Così definì monsignor Elio Bromuri (1930-2015) il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti nell’omelia delle esequie del noto e stimato sacerdote perugino tornato alla Casa del Padre il 17 agosto di cinque anni fa; esequie tenutesi in una gremita cattedrale di San Lorenzo di Perugia dove don Elio celebrava l’Eucaristia in qualità di canonico. Nella stessa cattedrale, domani, lunedì 17 agosto, alle ore 18, sarà celebrata una messa in sua memoria.

"E’ una memoria viva quella di don Elio – ha commentato il cardinale Bassetti –, perché è impressa sempre nel cuore e nella mente di quanti l’hanno conosciuto, soprattutto dei tanti giovani che negli anni ha guidato nei vari ambiti pastorali, in primis la carità attraverso l’accoglienza del prossimo senza fare distinzione di fede e di nazionalità, il dialogo ecumenico e interreligioso, l’ascolto del “diverso” e del “lontano”, la cultura e l’università, i mezzi della comunicazione sociale (fu per oltre 30 anni direttore del settimanale cattolico umbro La Voce (ndr)». Una delle doni di monsignor Bromuri, ricorda ancora il cardinale, quella di «riuscire a mettere tutti intorno ad un tavolo per trattare di questioni teologiche, sociali e politiche. E questo era per don Elio un servizio per far vivere ai giovani, ma anche a tanti adulti, esperienze utili alla crescita umana, solo grazie alla quale è possibile anche una sana crescita spirituale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La redazione della “sua” Voce lo ricorda come un sacerdote che «ha avuto come ispirazione il brano del Vangelo di Matteo: “Avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete...”». Un sacerdote che ha vissuto con spirito “laico” la sua missione di servitore della Chiesa. E non è stato un caso che monsignor Bromuri abbia ricevuto tra i diversi e prestigiosi riconoscimenti per il suo impegno culturale e sociale, quello dell’Iscrizione all’Albo d’Oro della città di Perugia conferitogli dall’Amministrazione comunale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento