rotate-mobile
Cronaca

Calcio serie B, un martedì pieno di spunti per il Perugia

Due i sistemi di gioco provati da Silvio Baldini in vista del Pisa davanti al suo amico Ballardini. In tre vanno verso il forfait

Meno quattro a Perugia - Pisa, scontro tra due delle deluse di questo inizio di stagione, ed i biancorossi affilano le armi. Silvio Baldini, dopo la pausa domenicale, continua a far lavorare intensamente i suoi giocatori per cercare di trasmettere nel modo più celere possibile i suoi dettami tecnico tattici. Il tecnico di Massa ha fatto svolgere nella giornata di oggi una doppia seduta e analogo copione sarà recitato domani. La classifica va risistemata velocemente perchè note sono le insidie che la serie B nasconde. 

OSPITI SPECIALI - Ad assistere agli allenamenti c'era un vecchio amico dell'attuale allenatore dei Grifoni, vale a dire l'ex Lazio, Cagliari e Genoa Davide Ballardini. Intorno a lui non è mancata la curiosità, ma il tecnico ravennate, senza squadra dopo l'esonero dai rossoblù liguri all'inizio della passata stagione, si è limitato ad osservare lo svolgimento dei lavori in religioso silenzio. 

INFERMERIA - La settimana iniziata da circa quarantotto ore non ha portato grosse novità per quanto riguarda il fronte infortunati. Salteranno il match con i toscani Ryder Matos, ancora alle prese con la lombalgia, e Marcos Curado, che prosegue nel lavoro differenziato dopo lo stiramento di cui è rimasto vittima la scorsa settimana. Qualche piccola speranza in più per Aleandro Rosi, fermatosi nuovamente nei giorni scorsi, sembrerebbe esserci ma anche qui il discorso è molto complicato. Si allenano infine stabilmente con il gruppo Gabriele Angella e Francesco Lisi, segno che sono oramai recuperati.

GRIFO DOUBLE FACE? - La seduta pomeridiana qualche spunto sul piano tattico lo ha dato su quello che può essere il sistema di gioco che il nuovo mister adotterà almeno inizialmente, a di là di quelli che possono essere poi gli interpreti. Due sono le possibilità: il 3-4-1-2 e il 3-4-3.

La prima di certo è la soluzione più praticabile e a colpire è stata la posizione di Kouan, piazzato dietro le due punte che nella fattispecie erano Di Carmine e Di Serio. 

La seconda invece prevede una sorta di tridente formato da Melchiorri, Strizzolo ed Olivieri, difficilmente praticabile dal 1' almeno sulla carta. 

Di tempo per prendere le decisioni definitive ce ne è ancora a sufficienza, non resta che attendere le ore immediatamente precedenti la partita. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio serie B, un martedì pieno di spunti per il Perugia

PerugiaToday è in caricamento