Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Perugia, Ikea a Collestrada? C'è chi dice no: "Colonizzerà e scapperà"

L’idea di Mauro Monella, rimbalzata – con ampi riscontri – nei social e definita “l’Ichea skappata”

Ma sentiamo l’idea di Mauro Monella, rimbalzata – con ampi riscontri – nei social e definita “l’Ichea skappata”.

Da dove nasce questa definizione? Significa che l’Ikea se ne va via di corsa o, forse, c’è un altro significato?

“L’Ichea skappata” è un’ipotesi di sviluppo alternativo, per favorire la rinascita della città storica.   La sua creazione aiuterebbe ad incrementare il numero dei residenti nel centro storico, da tempo fortemente in calo. Sosterrebbe il lavoro, col rilancio delle attività artigianali in chiave moderna e contribuirebbe a creare un circuito che favorisca lo spostamento veloce delle persone dalla periferia al centro. Al fine di realizzare una città con continuità tra periferia e centro: quello che oggi manca.

Che impatto avrebbe sui giovani? L’arrangiarsi, i lavoretti, il guadagnino non  sono di alcuna utilità: sono solo dei palliativi, delle fabbriche d’illusioni e non costruiscono niente in prospettiva. È così?

«L’Ichea skappata» potrebbe rappresentare un’occasione concreta per il futuro dei giovani. I giovani non si accontentano di  iniziative estemporanee, provvisorie e lavori part-time, ma chiedono a gran voce di essere partecipi di un progetto costruttivo, solido e costante in cui possano interpretare un ruolo da protagonisti.

Spetterà alla “generazione ZETA” (gli attuali ventenni), cresciuta a pane e social media, dotata di grandi competenze tecnologiche, il compito di mantenere in vita la memoria storica e di ristabilire uno sviluppo socio-economico a misura d’uomo.

Quali, dunque, i nostri errori “nazionali”?
“L’Italia è sempre più un Paese ‘ruminante’ e a metabolizzazione lenta. È quindi inutile piangere, a distanza di tempo, sul latte versato. Ben sappiamo che le fantomatiche multinazionali operano con gli stessi metodi, con le stesse fauci di Vladi”.

Non c’è, per caso, un’allusione al precedente sindaco [Boccali, detto Vladi dagli amici]?

Macché! Vladi è un prototipo di formica-vampiro voracissima, ritrovata nell’ambra ed esistita 98 milioni di anni fa. È stata così chiamata dagli scienziati, in omaggio a Vlad, principe di Valacchia, alter ego di Dracula: il formicone, più che uccidere le prede, le faceva vivere succhiandone il sangue”.

Paragone forte! Ma cosa fanno di male queste benedette multinazionali?

“Prima distruggono il tessuto economico locale, succhiano il sangue dal territorio e poi, dopo averlo spolpato ben bene, se ne vanno”.

Con quali prevedibili conseguenze?

“Aspettiamoci, tra qualche anno, di vedere moltitudini di giovani davanti a cancelli chiusi. È già accaduto e accadrà ancora. E allora saranno inutili, e tardive, le lamentele dei partiti, dei sindacati, dei lavoratori impoveriti, disoccupati, disperati”.

Insomma: l’Ikea prima colonizzerà e poi “skapperà”?

Assai probabile! Ma quello che mi piace sottolineare è il fatto che siamo in grado di elaborare, in piena autonomia, progetti e prospettive. Senza Kappa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, Ikea a Collestrada? C'è chi dice no: "Colonizzerà e scapperà"

PerugiaToday è in caricamento