I tempi di attesa al pronto soccorso sono infiniti, Squarta: "Si prendano subito provvedimenti"

Persone che aspettano anche 4 ore, altre che sostano in attesa anche per 10 ore, e il consigliere regionale Marco Squarta (Fratelli d'Italia)annuncia un' interrogazione

“Quanto recentemente denunciato dalla stampa regionale conferma l'esigenza di un intervento della Giunta regionale e di un presa di coscienza da parte della direzione dell'Azienda ospedaliera rispetto alla gravità del problema”. Così il consigliere regionale Marco Squarta (Fratelli d'Italia) commenta i dati sui tempi di attesa presso il pronto soccorso del 'S.Maria della Misericordia' di Perugia, annunciando una interrogazione per capire “come l'assessore Luca Barberini intenda risolvere le rilevanti questioni emerse in relazione al sovraffollamento del servizio di emergenza dell'ospedale”.

Squarta sottolinea che “i dati sono chiari quanto allarmanti: circa 50 minuti di attesa per un codice verde, persone che aspettano anche 4 ore, altre che sostano in attesa anche per 10 ore. Tutto ciò dimostra che la situazione è insostenibile e che l'organizzazione del pronto soccorso deve essere rivista, per evitare che i pazienti debbano affrontare di nuovo questi disagi. È inutile – aggiunge Marco Squarta - vantarsi del livello della nostra sanità quando ci troviamo di fronte a questi disservizi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l'esponente dell'opposizione consiliare “il problema sta nella mancanza di sinergia tra gli ospedali territoriali, che porta pazienti da tutto il territorio provinciale a recarsi nel pronto soccorso di Perugia: una mobilità sanitaria che dimostra la presenza di problemi di comunicazione tra nosocomi e di organizzazione delle rete sanitaria dell'emergenza. È quindi necessario – conclude - che l'azienda ospedaliera prenda coscienza di questo problema, rivedendo le competenze dei medici di base o attuando altre misure di contenimento dei disagi”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento