"Non sapete chi sono io": sfida gli agenti per non fare l'alcol test e finisce a processo

Denunciato a piede libero per essersi rifiutato di sottoporsi all'alcol test, inveisce contro gli agenti millantando "amicizie importanti in polizia". per l'uomo però si è aperto un procedimento penale

Una semplice richiesta di soccorso stradale si è trasformata in una denuncia a piede libero per un uomo, residente fuori regione, finito a processo dopo essersi rifiutato di fare l'alcol test. I fatti risalgono al 2012; lungo il raccordo Perugia Bettolle, intorno alle 4.30 di mattina, giunge una segnalazione alla polizia stradale per un auto in panne.

Gli agenti, giunti sul posto, trovano una macchina di grossa cilindrata, ferma tra la corsia d’emergenza e quella di normale scorrimento, con il conducente all’interno, intento a far ripartire l’auto.  Spiega subito di aver finito la benzina, frattanto arrivano alcune persone con una tanica in suo soccorso. La polizia cerca di accertare le condizioni dell’uomo tramite alcol test; al primo esame risulta positivo e decidono di sottoporlo ad ulteriore test per verificare il tasso alcolico. Ma l’uomo-secondo quanto raccontato oggi in aula- inizia a cambiar atteggiamento, da calmo a collaborativo fino ad irritabile e astioso, rifiutando di sottostare all’obbligo del test per verificare se il tasso di alcol fosse stato nei limiti consentiti per legge.

Ma non finisce qui perché oltre al diniego, l’uomo avrebbe iniziato ad inveire contro gli agenti, millantando amicizie in polizia e minacciandoli di stare attenti: “Voi non sapete chi sono io, vi faccio un c..lo così”. E ancora: "Ti denuncio tramite carta stampata, ho amici giornalisti". 

All’uomo viene ritirata la patente,  multato in quanto l’auto in panne non era stata adeguatamente segnalata come richiesto dal codice del strada e denunciato a piede libero.

Al fine ti togliere la macchina dalla strada, anche gli altri amici, giunti con la tanica di benzina a seguito di un passaggio, vengono sottoposti all’alcol test, anche loro positivi e quindi non idonei per guidare. Oggi l'ascolto in aula dei teste, il giudice ha fissato l’udienza per  l’esame imputato al 13 aprile 2017. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Umbria, proclamati gli eletti in consiglio regionale: tutti i nuovi consiglieri, le biografie

  • Chiuso per 15 giorni il bar della droga, anche il Tar conferma

  • Beccato con la patente falsa, chiama la moglie e l'amico, ma anche loro hanno il documento contraffatto: denunciati in tre

  • Rischio microbiologico, lotto di Acqua Nepi richiamato dal Ministero della Salute

  • Investito mentre cammina in strada, grave 19enne: è in prognosi riservata

  • Muore a soli 42 anni dopo la caduta da un lettino dell'Ospedale: indagati medico e fisioterapista

Torna su
PerugiaToday è in caricamento