menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gubbio, il frantoio furbetto scoperto: tre lavoratori a nero senza un "contratto vero"

Per non destare sospetti aveva acquistato qualche buono lavoro, ma in realtà l'imprenditore impiegaza in forma stagionale tre dipendenti. E' scattata una maxi-sanzione e in futuro prossimo ci sono guai con il Fisco

Continua il contrasto da parte della Guardia di Finanza della piaga del lavoro sommerso in particolare nelle imprese con lavori stagionali. I Finanzieri della Tenenza di Gubbio hanno individuato un frantoio con tre lavoratori non in regola. Gli accertamenti hanno consentito di rilevare che i lavoratori era coperti da "buono lavoro" (i vaucher) per 4 giornate soltanto quando in realtà era da 22 giorni operativi nel frantoio.

Per un lasso di tempo ci vuole un contratto a tempo.Nei confronti del datore di lavoro è scattata una maxi-sanzione prevista dall’attuale normativa sul lavoro oltre ad altre numerose violazioni di natura giuslavoristica e tributarie.

Al termine dell’ispezione, che ha riguardato soltanto un breve periodo, è stato possibile contestare al titolare del frantoio l’omesso versamento di ritenute IRPEF per 570,00 euro, ricavi non fatturati per  2.500 euro ed IVA per 200,00 euro, oltre a numerose irregolarità in materia di lavoro con l’applicazione di sanzioni per 7.812 euro

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento