menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollettino medico Gubbio dopo gli assembramenti ai Ceri: primi test e risultati. L'appello dell'Usl ai cittadini

Dopo il clamore su presunti positivi annunciati e poi smentiti, arrivano i primi dati ufficiali. Ma il numero è ancora limitato rispetto a quello che è realmente andato in scena lo scorso 15 maggio

Arrivano dati confortanti da Gubbio dopo gli assembramenti ingiustificati e ingiustificabili per il Giorno dei Ceri, lo scorso 15 maggio. Tutti i test rapidi e tamponi sono negativi anche se ad oggi, visti foto e video ufficiali dei fatti incriminati, sono pochini gli individui sottoposti a test. Infatti le autorità sanitarie hanno rivolto un appello a tutti coloro che "si siano trovati all’interno degli assembramenti di contattare il Nus al numero 800 63 63 63, oppure inviare un’email al servizio prevenzione della Usl Umbria 1 all’indirizzo prevenzione@uslumbria1.it o a contattare il servizio Igiene e sanità pubblica del distretto Alto Chiascio al numero 075 9239506 /620 fornendo il proprio nominativo per avviare le procedure per i necessari test".

Comunque, entrando nel bollettino relativo a Gubbio:  sono 36 i cittadini di Gubbio che, dopo l’identificazione a seguito degli assembramenti del 15 maggio, hanno effettuato i test sierologici e il tampone molecolare al Distretto dell’Usl Umbria 1 per rilevare la positività al Covid: tutti sono risultati negativi ad entrambi i test. “Fortunatamente – ha affermato l’assessore Luca Coletto – al momento la situazione a Gubbio è sotto controllo e i risultati dello screening lasciano ben sperare. Ad ogni modo, è importante far presente ancora una volta a tutti i cittadini che il rispetto delle regole, prima tra tutte proprio quella del distanziamento sociale, non può essere assolutamente trascurato visto che, in momenti di emergenza sanitaria, comportamenti sbagliati mettono a rischio la salute di tutta la comunità”.

Va ricordato che il monitoraggio è ancora in corso e che la positività al test sierologico indica che si è venuti a contatto con il virus, mentre solo il tampone molecolare può stabilire l’attuale positività e contagiosità in merito al Covid-19. In questa fase i test sierologici hanno una loro utilità in quanto l’esito negativo è indicativo per valutare la circolazione virale in un contesto territoriale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento