menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il popolo dei furbetti umbri: rubano pensioni, agevolazioni e barano su ticket e appalti

Imbarazzanti i dati presentati dalla Guardia di Finanza che ha fatto un bilancio della propria attività. Tanti furbetti dentro e fuori la macchina pubblica umbra. I casi più eclatanti

Furbetti del welfare sono tanti. Persone che rubano il sostegno economico e si prendono le agevolazioni fiscali che invece sono destinate alle famiglie povere, quelle vere e veramente bisognose di tutto dopo quasi 8 anni di crisi senza fine. Furbetti che si sporcano le mani anche per poche decine di euro e che ora rischiano grosso, in termini di sanzioni, dopo i controlli della Guardia di Finanza.

I militari del Comando della Provincia di Perugia hanno presentato tutti i dati nel corso della conferenza stampa odierna. Il dato che fa più rifettere è quello sui controlli per l'erogazione di prestazioni sociali agevolate e per le esenzioni del ticket sanitario: a fronte di 146 controlli la Guardia di Finanza ha accertato che le irregolarità sono pari al 45% dei casi e provocano allo Stato un danno di circa 100mila euro. Danno molto più alto quando si va a caccia dei furbetti che vogliono accedere ai fondi pubblici senza averne i parametri. I falsificatori di carte e documenti sono ben 58 solo nell'ultimo anno. I soldi percipiti con il dolo sono 3,5 milioni di euro.

E: ancora: individuate truffe nel settore previdenziale per circa 700mila euro, con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 18 soggetti. Sono 95 accertamenti svolti su delega della Corte dei Conti, segnalati sprechi o irregolari gestioni di fondi pubblici che hanno cagionato danni patrimoniali allo Stato per più di 6 milioni di euro e segnalati alla magistratura contabile 120 soggettiper connesse ipotesi di responsabilità erariale.

La Guardia di finanza ha fronteggiato e scoperto anche i furbetti che lavorano nella macchina pubblica portando avanti ben 42 indagini contro la Pubblica Amministrazione: denunciati 19 soggetti (36% per abuso d’ufficio, 5% per peculato e 32% per turbata libertà degli incanti). E infine nel settore degli appalti pubblici sono state riscontrate irregolarità per circa 10 milioni e 600mila euro, con la denuncia di 11 soggetti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento