Gualdo Tadino, l'insostenibile "pesantezza" dei bulli-vandali: altri danni in centro storico

L'insostenibile pesantezza del bullismo che va di pari passi con atti vandalici che colpiscono tutto il centro. In un momento storico in cui Gualdo sta cercando di rialzare la testa rendendo sempre più bello il suo centro storico - la corsa è partita dopo l'arrivo della tappa del Giro d'Italia - per conquistare quote di mercato del turismo umbro, si registrano sempre di più dei veri e propri atti vandalici. Due sabati fa distrutte e divelte diverse piante decorative immesse dai residenti nei vicoli storici. Senza poi parlare di bottiglie vuote lasciate ovunque oppure distrutte con vetri su piazzali e zona parcheggio.

Tra sabato e domenica ragazzotti hanno assaltato l'ennesimo vicolo adiacente alla piazza Martiri della Liberà. Sono riusciti a distruggere una bella balcionata in ferro battuto. E non la prima volta: i proprietari, dopo i primi danni, avevano immesso un faro che si accende appena qualcuno si avvicina. Ma non è bastato come deterrente. E oltre il danno la beffa: la semidistrutta struttura di pregio ora deve essere subito riparata o tolta, perchè in caso qualcuno si faccia male la responsabilità è dei proprietari. E così da questa mattina è stato messo un cartello di pericolo. Quali rimedi contro questi bulli? Urge scoprirli e contattare forze dell'ordine e famiglie... l'unico modo per fermarli. Alcuni mesi fa due bulli, stranieri, furono espulsi dalla Questura anche se minorenni dopo aver terrorizzato una scuola intera.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento