menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Svaligiata associazione perugina di paintball: ritrovata refurtiva a Gualdo, tre giovanissimi nei guai

Tutto è stato restituito all'associazione che può tornare a praticare questo sport

Oltre 25mila euro di refurtiva ritrovata nell'abitazione di due fratelli di 18 e 22 anni a Gualdo Tadino. La scoperta è stata fatta dai Carabinieri di Assisi insieme ai colleghi di Gualdo Tadino che stavano dietro un giro di vendita online di materiale per il gioco del paintball. Tracciatori, corpetti, un compressore, munizioni colorate e armi giocattolo trafugate in un associazione di Perugia. 

Fingendosi acquirenti, i Carabinieri, in una frazione di Assisi, hanno ritrovato alcuni pezzi che erano stati acquistati; il proprietario si è detto completamente estraneo ed ha indirizzato i militari direttamente alla fonte, dai due fratelli di Gualdo Tadino. Dalla perquisizioni domiciliare è stata ritrovata tutta l’ulteriore refurtiva: addirittura i militari hanno rinvenuto una coppa con targhetta, premio per una gara di paintball che si era tenuta tempo fa proprio presso la società che ha subito il furto. I due fratelli dovranno rispondere del pesante reato di ricettazione in concorso. C'è anche un terzo giovane, sempre italiano, che è stato denunciato dopo il blitz dai Carabinieri del Maresciallo Simone Mattei. 

Tutta la refurtiva è stata restituita all’associazione che potrà quindi riaprire i battenti e riprendere l’attività ludica interrotta dapprima dalle normative del lockdown e poi dal furto dei materiali, restituendo un po’ di serenità a chi, per sfuggire temporaneamente alle preoccupazioni quotidiane, decide di trascorrere qualche ora del giorno dedicandosi ad attività ricreative.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento