Gualdo, il maresciallo anti-droga Mattei promosso: è luogotenente. Dal 2011 protegge la città

Il sottufficiale è stato protagonista di uno dei blitz anti-droga più importante del centro Italia

 Passaggio di grado per il comandante della stazione carabinieri gualdese. Infatti,  Simone Mattei, da questo mese di settembre può fregiarsi del grado di luogotenente. Una promozione importante per Mattei dal 2011 al comando della caserma gualdese con importanti risultati, come ad esempio, l’ultima operazione antidroga che ha portato al sequestro di due chili di cocaina e lo smantellamento di una importante rete di spaccio.

Risultato importante in una carriera che contrassegnata da molti successi.  Simone Mattei è al comando della stazione gualdese, comando molto impegnativo in una città di olrew14mila abitanti al confine con le Marche, terra di origine del luogotenente che è nato a Montegranaro nel 1970 e dove ha vissuto fino ai venti anni. A quell’età entra a far parte dell’Arma dei Carabinieri, dapprima come carabiniere e, poi, dal 1995 come sottufficiale, dapprima con il grado di brigadiere e quindi dal 1995 come maresciallo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diversi incarichi lo hanno portato dapprima a Roma, poi al comando della stazione di Canepina (Vt). Qui nel 2011 impediva ad una donna, che era già in bilico su un parapetto attiguo alla locale chiesa parrocchiale, di suicidarsi. Sempre nel viterbese per primo insieme al sindaco dava l’allarme per un imminente inondazione che di li a poco travolgeva il paese. Anche l’Arma lo segnalava con l’encomio semplice per un’operazione che si concludeva con l’arresto in flagranza di 10 persone, l’esecuzione di 13 provvedimenti restrittivi nonché il sequestro di consistente quantitativo di droga e molti veicoli. A Gualdo Tadino è riuscito a recuperare l’originale dello statuto medioevale della città che era stato sottratto dalla sede della Polizia locale, insieme a manoscritti, oggetti, armi e monete antiche. Protagonista anche delle indagini del femminicidio dell’8 marzo 2014, che hanno portato al fermo immediato dell’autore, nonché di altre operazioni fino al recente sequestro del grosso quantitativo di cocaina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento