menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La visione di un imprenditore, uno stadio, sport diversi e 200 ragazzini felici. Ecco il campo estivo a costo zero

Un campo estivo ricreativo completamente gratuito grazie a Matteo Minelli e all'impegno di importanti associazioni sportive del territorio che per la prima volta si sono unite... per formare i cittadini di domani

Prendi un imprenditore giovane, illuminato e amante della sua piccola terra natia. Aggiungi una società di calcio con il suo stadio. Poi a pioggia spargi tante importanti associazioni sportive, con i loro istruttori e le loro diverse discipline. Amalgama tutto e versa su di un campo sportivo dal manto verde, con tanti spazi e una pista rossa fuoco d'atletica.

E servi questo "dolce sportivo e sociale" a centinaia di giovani del posto provati da una lunga quarantena che gli ha tolto amici, scuola, sport e le prime "cotte". Il successo sarà inevitabile. Ma la ciliegina su questa "torta", tutta umbra,  sta nell'anima sociale di questo progetto sognato dall'imprenditore Matteo Minelli - l'uomo forte di Ecosuntek e Birra Flea - appoggiato dalla societa calcistica Gualdo-Casacastalda ed esteso al mondo della pallacanestro,dell'atletica, dell'arco, della pallavolo e ai giovani portaioli della città di Gualdo Tadino: tutto gratuito, tutto pagato, zero differenze sociali in un periodo dove moltissime famiglie non possono permettersi un campo estivo, una retta per fare sport.

Un camp (o per dirla in italiano un campo estivo ricreativo) unico in italia, partito a fine giugno e che andrà avanti fino al 29 agosto, dove i bambini e ragazzini possono socializzare, praticare il proprio e gli altri sport. All'aperto, nel rispetto delle regole anti-cotagio, con i propri amici che la pandemia gli aveva tolto per mesi. Un piccolo sogno per 188 bambini e ogni giorno se ne aggiungano altri, anche se le iscrizioni sono in teoria chiuse.

Un sollievo per le famiglie che possono mandare i figli, senza pensieri di nessuna sorta, in un posto sano e controllato. Costo dell'operazione 20mila euro coperti da Minelli attraverso le due società Birra Flea ed Ecosuntek, attuali sponsor del Gualdo-Casacastalda che milita in Eccellenza ed ha sempre puntato su settore giovanile e su giocatori del posto. Il campo estivo a costo zero a Gualdo Tadino sarà a breve presentato al Coni per essere importato si spera su base nazionale: l'aver messo insieme tanti sport e società consente a bambini e ragazzi di sperimentare, di appassionarsi, di essere liberi di scegliere di praticare un'attività sportiva, In più nelle intenzioni di Minelli, che guarda già il futuro, c'è da inserire anche lo studio, giocando, sia delle lingue che dell'educaziona civica. 

"Nel lungo periodo passato a casa per via della pandemia - ha spiegato Minelli - ho riflettuto sul mio ruolo, su come far crescere la nostra Gualdo e su come aiutare i nostri ragazzi. Ho fortemente creduto in questo progetto perchè attraverso lo sport e lo stare possiamo creare una nuova mentalità, una futura classe dirigente capace di lavorare sul territorio, di produrre ricchezza e di far vivere questa nostra fascia appenninica fortemente provata dalla crisi del Covid. La vera forza di questo campo estivo, unico in Italia, sono le tante società sportive della città che hanno risposto con entusiasmo, mettendosi insieme come non accadeva da troppo tempo. Fare squadra deve essere la priorità del presente e del futuro perchè non si cresce da soli, non ci si salva da soli ma solo se uniti e con un rapporto oserei dire di filiera".

Emozionati e soddisfatti i padroni di casa: ovvero il presidente del Gualdo-Casacastalda Luca Scassellati e il direttore generale Gianni Smacchi che hanno parlato dello stadio Carlo Angelo Luzi come la casa di tutti i cittadini e di tutti coloro che si impegnano per promuovere lo sport. La parola d'ordine per la società calcistica: è settore giovanile. "Questo progetto rappresenta anche la nostra filosofia: spazio ai giovani e non ai grandi nomi o ai professionisti. Ripartiamo dall'Eccellenza con i nostri ragazzi e con altri che vorranno venire qui a giocare, ad onorare la maglia e a diventare uomini". Giovanissimo anche il nuovo direttore sportivo della società: si tratta di Luca Labonia, 24enne. 

IMG_20200702_192942-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento