menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gualdo Cattaneo, migranti in fuga dal centro. Il sindaco: "Task-force in azione. Poche informazioni su quadro clinico"

Parla il primo cittadino gualdese Enrico Valentini dopo l'arrivo, non concertato, e la fuga di migranti sbarcati in italia da soli 5 giorni

"E' in corso un'azione mirata per rintracciare i migranti in fuga dalla struttura di accoglienza. Prefettura e Questura si sono subito  messe in azione da ieri sera": il sindaco di Gualdo Cattaneo, Enrico Valentini, è appena uscito dalla riunione istituzionale dopo la fuga di 23 migranti su 25 arrivati giovedì sera e senza nessun preavviso dato dal Ministero degli Interni al primo cittadino e alla sua comunità.

"Non è stato concerto nulla. Non sapevamo praticamente nulla - ha continuano Valentini a Perugiatoday.it - di questa accoglienza. Per questo avevo detto no, per una questione di sicurezza dato che ci troviamo ancora in piena emergenza sanitaria e Gualdo Cattaneo ha vissuto il dramma di una zona rossa per un focoloaio di Coronavirus".

AGGIORNAMENTO - Prefettura: "Tutti negativi ai test sierologici. Ricerche in atto sul territorio"

Poche le notizie anche sul fronte sanitario riguardante lo stato di salute dei migranti. "Anche su questo aspetto zero comunicazione. Sono riuscito a sapere, tramite gli addetti alla sanità sul territorio, che tutti sono risultati negativi al test sierologico (il test rapido ndr) ma non avrebbero effettuato ancora il tampone, l'unico strumento ufficiale per garantire la non positività al coronavirus".

Valentini vuole chiarire le ragioni del suo no all'invio dei migranti: "Non è una questione idelogica ma di sicurezza e rispetto: a settembre, quando siamo stati avvisati per tempo, abbiamo detto subito sì perchè avevamo valutato la struttura di accoglienza, il fatto che erano da tempo in Italia ed erano inseriti in un programma di integrazione ben definito. Tutto concordato, tutto formalmente giusto. Ma stavolta zero rapporti, zero comunicazione. In questa maniera si rischia di tirare fuori anche il peggio dai cittadini, non solo italiani ma anche tanti stranieri integrati che stanno vivendo entrambi gravi difficoltà economiche ed hanno paura di un ritorno di fiamma del virus". L'amministrazione comunale è in stretto contatto con la Prefettura. Per il momento non si hanno notizie su eventuali fermi dei migranti in fuga. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento