Gli effetti collaterali del coronavirus e il rischio infiltrazioni mafiose: chiesto monitoraggio salva-imprese e legalità

L'ordine del giorno del consigliere regionale Donatella Porzi al vaglio della commissione anti-mafia della Regione

Coronavirus e infiltrazioni mafiose in Umbria. Due mali che a livello teorico non hanno nessuna connesione tra loro. Ma gli effetti collaterali del coronavirus sull'economia regionale - già provata da anni di crisi mai completamente superata - possono aprire non una strada, ma una vera e propria autostrada alle varie mafie presenti e ben radicate in Umbria e nell'Italia Centrale, come le ultime inchieste lo dimostrano. Il problema è stato lanciato in consiglio regionale dalla consigliera Donatella Porzi che ha ben studiato il modus operandi dei clan al di fuori dei propri territori.

Le ultime due inchieste dimostrano che i mafiosi - soprattutto la 'Ndrangheta che è l'associazione ad oggi con più liquidità - puntano le aziende umbre più deboli e bisognose di soldi: una volta dentro si nascondono per prendere appalti (svincolati dai paletti anti-mafia), riciclare soldi, truffare anche le banche e fornitori e ripulire tutta la cassa. Distruggendo così il tessuto economico locale. Il blocco delle attività e le difficoltà economiche determinati dal coronavirus possono dunque diventare esplosive.  

“Con il prolungarsi della fase di lockdown – dice Porzi – , si fanno sempre più attuali gli allarmi lanciati dal dipartimento di Pubblica sicurezza diretto da Franco Gabrielli, dal procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, dal procuratore generale di Perugia Fausto Cardella e dal procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho. L’eventualità è che lo stop prolungato determini una crisi di liquidità delle imprese, offrendo così una occasione alle attività criminali per infiltrarsi e determinare il futuro dell’economia della nostra regione. Le mafie infatti, ricordava De Raho proprio ieri in una intervista, si inseriscono quando c’è difficoltà e iniziano partendo dal costruirsi un consenso sociale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per queste ragioni si chiedono degli interventi mirati e un osservatorio sulla situazione che saranno discussi direttamente al Coordinamento delle commissioni e degli osservatori regionali sul contrasto della criminalità organizzata e della promozione della legalità delle Assemblee legislative  italiane. “Dall’Umbria – ha concluso Porzi – deve partire una risposta pronta sull’argomento, dobbiamo dare l’esempio. La nostra proposta di ordine del giorno sarà inviata per essere condivisa anche sul tavolo nazionale al Coordinamento delle commissioni e degli osservatori regionali sul contrasto della criminalità organizzata e della promozione della legalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento