menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Protestano i magistrati onorari, flashmob in piazza contro le parole del ministro

"Da oltre vent’anni, lavoriamo tutti i giorni, e con totale dedizione al servizio dei cittadini con compensi inadeguati e senza diritti"

Protestano i magistrati onorari e mettono in campo un flashmob e una staffetta del digiuno. Il flashmob si svolgerà sabato alle 15 in piazza Matteotti, davanti alla Corte d’appello.

“Noi magistrati onorari affrontiamo quotidianamente in udienza i rischi del contagio, al pari di tutti gli altri lavoratori del settore giustizia, ma con una intollerabile differenza: a chi si ammala non sono riconosciute le basilari tutele costituzionali del lavoro - si legge in una nota dei vice procuratori onorari di Perugia - Siamo stati definiti ‘volontari, precari, temporanei’; in realtà, da oltre vent’anni, lavoriamo tutti i giorni, e con totale dedizione al servizio dei cittadini con compensi inadeguati e senza diritto a ferie, maternità, previdenza e assistenza sanitaria, finanche durante la pandemia”.

La risposta del Ministro della Giustizia ad una interrogazione parlamentare nella quale riferisce che “...l’opzione favorevole alla previsione degli onorari è legata altresì alla finalità di contenere il numero dei togati, pena la perdita di prestigio e la riduzione delle retribuzioni della magistratura professionale” indigna profondamente i vpo che ricordano al ministro il loro “contributo” affinché il sistema giustizia funzioni ancora “come riconosciuto dalla stessa magistratura togata e dalla classe forense dell’Umbria”.

I vice procuratori onorari di Perugia esprimono “piena solidarietà e vicinanza alle Colleghe palermitane Sabrina Argiolas, Vincenza Gagliardotto e Giulia Bentley, al collega di Parma Livio Cancelliere ed alle due colleghe napoletane, che hanno coraggiosamente intrapreso lo sciopero della fame, nonché ai Colleghi di Palermo, Milano, Monza e Parma per le iniziative assunte in difesa di un trattamento dignitoso della categoria”, riservandosi “di assumere iniziative, ulteriori rispetto al programmato flash mob, di fronte al protrarsi dell’inerzia del Guardasigilli e del Parlamento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento