menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovanissime e già truffatrici: 900 euro di ricariche telefoniche con la carta di credito di un coetaneo

Le indagini dei carabinieri della stazione di Valtopina hanno portato alla denuncia di tre ragazze ventenni per frode informatica

Avrebbero effettuato oltre 950 euro di ricariche telefoniche utilizzando la carta di credito di un ragazzo e duplicando i codici di sicurezza della carta. Un fenomeno, quello del “pishing”, che nasce come strumento di reperimento di credenziali bancarie o di carte di credito attraverso canali informatici e che ormai è cresciuto in maniera “esponenziale”. La vicenda ha presa piede dopo la denuncia presentata da un 20enne, titolare della carta di credito in questione. Da lì l’avvio delle indagini dei carabinieri della stazione di Valtopina che, attraverso gli accertamenti tecnici, hanno scoperto la duplicazione fraudolenta del pin ed identificato i presunti autori della frode, tre ragazze appena ventenni denunciate dai carabinieri all'autorità giudiziaria per il reato di frode informatica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento