menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si sdraiò sul parcheggio di una discoteca e picchiò un agente: condannata, ma la difesa ricorre in appello

Una serata in discoteca con gli amici che presto si trasforma in una vera e propria escalation di follia. Con tanto di un processo penale e una condanna in primo grado (a tre mesi di reclusione per aver picchiato un carabiniere

Una serata in discoteca con gli amici che presto si trasforma in una vera e propria escalation di follia. Con tanto di un processo penale e una condanna in primo grado (a tre medi di reclusione) per una giovane imputata di di 31 anni, per aver usato violenza nei confronti di un carabiniere, "colpendolo con un calcio al volto nel corso di un controllo e provocandogli lesioni personali giudicate guaribili in otto giorni". La difesa, rappresentata dall'avvocato Massimo Degli Esposti è ricorsa in appello e domani arriverà la decisione dei giudici della Corte. 

Delirio in via del Macello, calci e pugni ai poliziotti: arrestato 18enne

I fatti Erano le due di notte del 29 gennaio del 2012 quando i carabinieri giunsero in una discoteca del perugino a seguito di alcuni "dissidi" scoppiati tra i ragazzi e i parcheggiatori del locale. Una volta giunti sul posto, i militari notarono la ragazza stessa a terra in mezzo al parcheggio della discoteca, intenta a bloccare il traffico delle auto che entravano nel parcheggio, come segno di protesta nei confronti dei parcheggiatori che avevano richiesto il pagamento per la sosta della macchina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento