menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vivere meglio, ecco come curare il mal di testa: al via la giornata anti-cefalea

Il 17 maggio ricorre la sesta edizione della Giornata del Mal di Testa. Gli specialisti incontrano i cittadini per proporre cure e uno stile di vita adeguato. L'emicrania rischia di compromettere anche la qualità del proprio lavoro

Per curare le cefalee e i mal di testa cronici è necessario uno specialista anche perchè l'auto-medicazione spesso non risolve il problema. E' questo il messaggio che arriva diretto dai medici specialisti del Centro Cefalee della Clinica Neurologica del S. Maria della Misericordia,  diretta dal Prof. Paolo Calabresi, che saranno a disposizione di quanti  intendono richiedere informazioni sulle cefalee il 17 maggio in occasione della sesta giornata della "Giornata Nazionale del Mal di Testa”.

L'iniziativa si svolgerà nel Centro commerciale di Collestrada e qui verranno illustrate cause e terapie per una patologa che colpisce milioni di persone e che ha forti ricadute di carattere sociale, sia per i costi dei farmaci che per la mancata produttività di chi quanti soffrono di mal di testa. L’obbiettivo degli esperti, coordinati dalla Dott.ssa Paola Sarchielli, responsabile del Centro Cefalee dell’Ospedale di Perugia, è quello di sensibilizzare ed educare la popolazione sul complesso tema delle cefalee.

“La cefalea è in crescita, nonostante l’efficacia dei farmaci – sottolinea la Dott.ssa Sarchielli- .Sia in Europa che in  America la cefalea primaria è stimata attorno al 6-8% negli uomini e al 15-18% nelle donne. E’ stato anche accertato  che circa  il 4% degli adulti soffre di mal di testa per 15 o più giorni al mese. Si tratta di forme gravi che compromettono significativamente la qualità della vita”.

Gli economisti, assumendo informazioni dai medici che si occupano dello studio e delle cure delle cefalee, hanno accertato  donne ed  uomini affetti da emicrania, si assentano dal lavoro per circa 10 giorni all’anno con un notevole costo per l'intera comunità. Nonostante la cefalea  sia uno dei motivi di più frequente consultazione del medico ,ma  solo il 16% consulta uno specialista. La cefalea può essere quindi paragonata ad un iceberg.

Proprio per la rilevanza della patologia emicranica, i medici del Centro Cefalee di Perugia in collaborazione con una  rappresentante  della Lega Italiana Cefalalgici (LIC), la Dott.ssa  Angela Piperni, hanno organizzato  un incontro con i cittadini, dal titolo "Emicrania cronica: nuove frontiere del trattamento " , previsto per venerdì 16 maggio  alle ore 15 presso la sala Borsellino del Palazzo della Provincia di Perugia, in Piazza Italia. L’incontro  tratterà i meccanismi  che determinano la cronicizzazione del dolore, le strategie di trattamento, tra cui in primis l'eliminazione dei fattori scatenanti ed aggravanti,  la sospensione  dei farmaci sintomatici abusati, i farmaci di prevenzione utilizzati e le nuove prospettive terapeutiche, in particolare la tossina botulinica e le tecniche di neurostimolazione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento