Il calciatore dilettante si becca il Daspo: aggressione all'arbitro, il Questore alza il cartellino rosso

La decisione presa dopo una indagine partita nel settembre scorso. L'arbitro era finito in Ospedale

Stavolta il daspo non ricade sulla testa del tifoso violento di turno, ma il Questore ha deciso di "squalificare" per un anno un perugino giocatore dilettante da tutti i campi sportivi, da tutti gli impianti dove si sta giocando una partita di calcio. Non capita tutti i giorni che un giocatore oltre che alla giustizia sportiva deve fare i conti anche quella "civile" per quello che è accaduto in campo. Il Daspo è scattato dopo una indagine partita nel settembre scorso dai poliziotti del posto di Polizia dell’ospedale Santa Maria della Misericordia e della Divisione Anticrimine. 

Durante una gara del campionato di seconda categoria, l’arbitro, dopo una serie di falli ha esibito il cartellino rosso ad un calciatore. Al termine dell’incontro, dopo l’uscita delle due squadre, l'espulso ha aspettato l’uscita dell’arbitro sferrando un calcio e costringendo il direttore di gara a rifugiarsi negli spogliatoi. L’arbitro, dopo l'aggressione, si è fatto curare al Pronto Soccorso, dove hanno riscontrato lesioni personali diagnosticate con 10 giorni di prognosi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 28 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento