Gimo, la versione del Comune: "La Regione deve rivedere i parametri dei fondi"

La nota dell'assessore alla mobilità del Comune di Perugia Casaioli sui bus notturni del servizio Gimo e la risposta dell'Udu

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota dell'assessore alla mobilità del Comune di Perugia Casaioli sui bus notturni del servizio Gimo. 

***

Sono molte le inesattezze che ho letto in questi giorni riguardo al servizio di mobilità notturna “Gimo” –sottolinea l’assessore alla mobilità del Comune di Perugia Cristiana Casaioli- sulle quali intendo aprire una riflessione più ampia, al di là di eventuali strumentalizzazione politiche che se ne stanno facendo.

Indubbiamente l’ordine del giorno approvato in consiglio regionale sulla riattivazione per l’anno accademico 2017/2018 del servizio di mobilità notturna a favore degli studenti, denota un’apertura da parte della stessa regione rispetto al tema di come si debbano muovere gli studenti di una città universitaria. Ma –continua l’assessore Casaioli- il punto non è tanto l’aggiunta di una linea di mobilità notturna, quanto, piuttosto, la necessità di una politica più strutturata da parte di Regione e Comune che parta dalla volontà di considerare Perugia non solo quale capoluogo di regione ma anche come città universitaria con più di 25.000 iscritti all’anno, per arrivare a rivedere, da parte della Giunta regionale stessa, i parametri del fondo trasporti.

Attualmente nei criteri di ripartizione del fondo non vi è nessun riferimento alla popolazione degli studenti dell’Università degli studi di Perugia, dell’Università per Stranieri e di tutte le Istituzioni di alta formazione che non sono considerati quali parametro dei servizi minimi garantiti. Come se la presenza o meno di questi studenti non modificasse le effettive necessità di mobilità della città Correggere questa incongruenza significherebbe, per il Comune, avere gli strumenti per ridisegnare la mobilità cittadina anche in funzione delle esigenze degli studenti universitari,  permetterebbe alla città di fare un grande balzo in avanti anche in termini di accoglienza e di servizi agli studenti universitari e di poter migliorare la qualità della vita dei ragazzi che studiano alle nostre Università e di essere un volano economico e culturale per la città.

Su questo si dovrebbe basare il confronto serio tra le istituzioni per il futuro stesso della città e noi siamo disponibili a fare la nostra parte. 

Considerare la mobilità studentesca – così come il Minimetrò e gli altri servizi di mobilità alternativa, che trasportano oltre 12 milioni di persone l’anno - tra i servizi minimi e rivedere di conseguenza le ripartizioni del fondo trasporti in base a questi nuovi criteri permetterebbe di superare la paradossale situazione per cui Perugia gode, attualmente, di cofinanziamenti al 60% circa a valere sul fondo trasporti regionale – e se considerassimo anche la mobilità alternativa scenderemmo a circa il 40% - quando tutti gli altri comuni ricevono mediamente l’85% delle loro necessità, nonché di ridisegnare la mobilità della città  in maniera più adeguata a rispondere alle esigenze di tutti i cittadini.  

****

La risposta di Sinistra universitaria Udu: "Dinnanzi alle nostre richieste di risposte certe abbiamo ricevuto l'ennesimo rifiuto da un'Amministrazione decisa a mettere i contrasti con la Regione prima del benessere di quei cittadini, di quegli studenti che a parole vorrebbero favorire".

E ancora: "Il pretesto della mobilità notturna per ottenere una diversa suddivisione del Tpl può essere un punto di discussione; tuttavia, riteniamo schizofrenico l'atteggiamento del Comune che da un lato lamenta la mancanza della componente studentesca tra i criteri di ripartizione ed allo stesso tempo si adduce questa motivazione per poi negare loro un servizio indispensabile. Ancora una volta in tutto ciò è assente qualsivoglia visione della Città da parte di chi l'amministra. La richiesta di ulteriori fondi è un pretesto che a dir poco assurdo: proprio ieri la Regione si è impegnata a garantire una copertura per il servizio, in un'ottica di cofinanziamento. Se il Comune è a corto di fondi, una scusa che viene ormai propinata da anni, ci viene da chiedere come improvvisamente siano stati trovati quelli necessari per l'apertura notturna del minimetro".

Infine: "Tutto ciò, ci auguriamo, dovrà essere oggetto di confronto serio nella terza Commissione comunale convocata per il giorno 31 luglio, a cui siamo stati invitati insieme ad Università ed ADiSU. Non siamo disposti ad accettare questo continuo boicottaggio, tutti gli altri partner del progetto Gimo si sono assunti le proprie responsabilità ed i propri impegni; per questo noi continueremo ad incalzare l'Amministrazione comunale, portando avanti gli interessi di una comunità che è più ampia della popolazione studentesca universitaria. In attesa di una presa di posizione da parte del sindaco Romizi, il quale non può non prendere posizione. Dica espressamente se condivide le scelte del suo Assessore e la sua mancanza di volontà nel dare risposta alla cittadinanza che ripone fiducia nella ripartenza del servizio, ricordando come fino a tre anni fa lui stesso chiedeva la mobilità notturna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

Torna su
PerugiaToday è in caricamento