menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche a Perugia la panchina rossa contro la violenza sulle donne: "Un simbolo di libertà per le donne"

Una “Panchina Rossa”, emblema universale del “posto occupato” da una donna vittima di femminicidio, simbolo delle azioni contro la violenza di genere e a favore della libertà delle donne, sarà installata venerdì prossimo, 24 novembre alle 9,30 presso i Giardini del Pincetto a Perugia.“Abbiamo scelto l’uscita delle scale mobili del Minimetrò –ha spiegato l’assessore per le Pari Opportunità del Comune di Perugia Edi Cicchi, nell’illustrare l’iniziativa- proprio perché è una zona di passaggio e di grande visibilità, che offre dunque la possibilità di sensibilizzare quante più persone possibili, uomini, donne, ma soprattutto giovani di tutte le età a cui il progetto si rivolge, in particolar modo coinvolgendo le scuole, le quali nel tempopotranno abbellire la panchina e renderla un punto di snodo della città sul tema della violenza sulle donne.”

Scopo dell’iniziativa “La Panchina Rossa”, lanciata dagli Stati Generali delle Donne e promossa dalla Consigliera provinciale di Parità Gemma Paola Bracco è, infatti, quello di commemorare tutte le vittime di femminicidio, ma soprattutto di informare e sensibilizzare i cittadini, in particolar modo le giovani generazioni, sul tema della violenza di genere. “La violenza sulle donne –ha aggiunto ancora l’assessore Cicchi, nel corso della presentazione del progetto che si è tenuta nei giorni scorsi alla Sala Pagliacci del Palazzo della Provincia- è un’emergenza sociale, di cui la nostra città non è immune. Per questo il Comune di Perugia ha risposto all’appello degli Stati Generali delle Donne con questa iniziativa dal profondo significato evocativo.”L’assessore non ha mancato di ricordare, infine, la presenza dei Centri Antiviolenza sul territorio della Provincia di Perugia e di Terni e di ribadire le politiche finora intraprese riguardo alla tutela dei minori vittime di violenza assistita o di violenza in prima persona ,e dunque, la necessità di proseguire con azioni di tutela che coprano tutti gli aspetti legati al fenomeno della violenza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento