Giano dell'Umbria: morto bimbo di 3 anni, denunciato il padre e prova dello stub

Nuovi accertamenti scientifici per il caso di Giano dell'Umbria dove sabato sera, un bimbo di tre anni ha perso la vita a causa di un colpo accidentale partito dalla pistola che stava maneggiando

L'abitazione di Giano

Continuano gli accertamenti e le indagini dei carabinieri di Spoleto e Giano dell'Umbria, coordinati dal capitano Fabio Rufino sulla tragedia che sabato sera ha causato la morte di un bambino di soli 3 anni. Il piccolo, secondo la ricostruzione dei militari, stava maneggiando la pistola del padre, una guardia giurata ed un colpo sarebbe partito accidentalmente, provocandone la morte. Purtroppo sono stati inutili i soccorsi del personale sanitario che disperatamente hanno provato a rianimare il piccolo senza successo.

Dunque, prende sempre più corpo l'ipotesi di una dinamica accidentale e la versione ufficiale punta sul fatto che il bimbo si sia sparato da solo e le testimonianze della famiglia, figli compresi di 4 e 8 anni, confermano questo punto.

A dare la certezza di quanto appurato dagli inquirenti, saranno i nuovi esami scientifici sui membri della famiglia: la prova dello stub, un esame, svolto dalla sezione investigativa di Perugia e i cui risultati saranno elaborati dai Ris di Roma, che punta a riconoscere con un semplice tampone se qualcuno abbia avuto contatto con la polvere da sparo.

Nel frattempo, il padre, come da procedura è stato denunciato per omessa custodia dell'arma e già per lunedì è stata disposta l'autopsia sul corpo del bambino. Sul fatto indaga la dottoressa Pucci della Procura di Spoleto.

Da confermare, attraverso l'esame autoptico, anche l'ipotesi che il piccolo avesse poggiato l'arma in bocca, come fa ogni bambino con un qualsiasi oggetto, il che giustificherebbe la presenza del solo foro d'uscita del proiettile dalla testa. Elemento portato all'attenzione dalla prima ispezione del medico sul corpo nei momenti successivi alla tragedia.

L'unico elemento, secondo gli inquirenti, che si potrebbe escludere è che la pistola abbia sparato da sola dopo essere caduta a terra. Il bimbo era pratico di armi giocattolo e potrebbe aver "scarrellato" e premuto il grilletto facendo partire il colpo.

TRAGEDIA A GIANO- Un bambino di 3 anni è morto sabato sera a Giano dell'Umbria dopo essere stato colpito da un colpo di pistola accidentale, mentre maneggiava l'arma del padre.

GIANO, LE INDAGINI- La ricostruzione delle forze dell'ordine sulla morte del bambino di 3 anni a Giano dell'Umbria.

GIANO- La disperazione e il dolore nelle parole della madre al parroco della Chiesa di San Francesco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...




 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento