menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scandalo Gesenu, "il Comune di Perugia parte civile nel processo, non facciamo sconti a nessuno"

Ad annunciarlo è il vicesindaco Barelli che dalla fine di ottobre ha ricevuto dal Sindaco Romizi la delega alla partecipata Gesenu

“Il Comune di Perugia non farà sconti a nessuno”. Così, dopo lo scandalo Gesenu, gli indagati e l’arresto del direttore Giuseppe Sassaroli, “se si dovesse arrivare al rinvio a giudizio degli indagati, il Comune si costituirà parte civile per tutelare i propri cittadini ed i lavoratori di Gesenu”.

Ad annunciarlo è il vicesindaco Barelli che dalla fine di ottobre ha ricevuto dal Sindaco Romizi la delega alla partecipata Gesenu e che nei giorni scorsi “aveva pubblicamente esortato Gesenu a cambiare rotta garantendo una radicale discontinuità con il passato ed una profonda innovazione della struttura societaria”. 

Scandalo Gesenu, M5S all'attacco: "La Giunta Romizi non risponde alle interrogazioni"

“Il nostro unico obiettivo – afferma – è quello di garantire un servizio efficiente e trasparente improntato al rigoroso rispetto della legalità e dell'ambiente. Nonostante i tanti sforzi profusi dall'inizio del mandato, ci troviamo nuovamente, come avvenuto già a seguito dell'interdittiva antimafia, a dover fronteggiare una situazione difficile acuita dalla comprensibile sfiducia dei cittadini nei confronti di Gesenu che potrebbe incidere negativamente sulla raccolta differenziata. Al riguardo rivolgo un invito alla cittadinanza a proseguire nella differenziazione dei rifiuti ed ai lavoratori di Gesenu nell'adoperarsi, con ancor maggiore impegno, assicurando che il Comune farà fino in fondo la sua parte”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento