menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tre preziosi quadri del 1600 spariscono dallo studio di un avvocato umbro: antiquario arrestato e prete denunciato

Il prete, destinatario finale dei quadri rubati, è stato denunciato per ricettazione. Arrestato antiquario toscano per furto e appropriazione indebita

Tre preziosi quadri risalenti al 1600, rubati all'interno dello studio legale di un noto avvocato tifernate, sono stati rintracciati dai carabinieri di San Giovanni Valdarno a seguito della denuncia sporta contro ignoti alla compagnia di Città di Castello dalla vittima del furto. A finire nel sacco, un antiquario originario di Montevarchi che - oltre ad aver partecipato al furto - si sarebbe trattenuto anche un quarto quadro a cui si è aggiunta l'accusa di appropriazione indebita.

I militari, su disposizione dell'autorità giudiziaria perugina, hanno eseguito questa mattina la misura cautelare degli arresti domiciliari per l'antiquario, mentre per i due complici del furto, è scattato l'obbligo di dimora nel comune di Montevarchi e l'obbligo di firma. Ma in questa vicenda, c'è anche la figura di un prelato, denunciato in stato di libertà per ricettazione alla Procura aretina. Secondo le indagini, sarebbe stato proprio il prete il destinatario finale delle opere trafugate dallo studio dell'avvocato. Nell'abitazione del prelato, oggetto di perquisizione, è stato infatti rintracciato uno dei quadri, gli altri sono stati riconsegnati successivamente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento