Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Ruba 400 euro di cosmetici in farmacia, ma prendeva psicofarmaci: assolta per incapacità di intendere e volere

La donna aveva riempito una borsa di creme e altri prodotti cosmetici per poi uscire senza pagare. Il furto era stato ripreso dalle telecamere interne di sorveglianza

Ruba in farmacia, ma l’assunzione di psicofarmaci per curare un disturbo la rendono incapace di intendere e volere. E il giudice la assolve.

La donna, una perugina di 42 anni, era finita in tribunale per il reato di furto aggravato perché “aggirandosi tra gli scaffali di esposizione” della farmacia prelevava alcuni prodotti, per un valore di 400 euro, e li “occultava in una borsa”. Alla cassa della farmacia alla periferia di Perugia, pagava un singolo prodotto e poi usciva.

Il dipendente aveva chiesto alla donna se le fosse scivolato qualcosa in borsa, visto che era suonato l’allarme antitaccheggio, ma la donna aveva negato ed era uscita.

Il commesso aveva raccontato tutto alla titolare della farmacia e questa si era recata dai Carabinieri con le immagini delle telecamere di sorveglianza, ma aveva già riconosciuto la donna, in quanto cliente abituale.

Dalle immagini si notava la donna, difesa dall’avvocato Giuseppe De Lio, entrare in farmacia, attendere che il personale fosse intento a servire altri clienti, per iniziare a riempire la borsa “di vari oggetti”. Da un controllo effettuato dalla farmacista avrebbe preso dei cosmetici, in particolare una confezione di “Filorga Meso Più crema del valore di 62 euro; una confezione di Filorga Eyes absolute del valore di 62 euro; una confezione di Isadora Face scult n. 21 del valore di 34,80 euro; una confezione di Isadora Face scul n. 10 e n. 01 del valore complessivo di 69,90; una confezione di Isadora Wonder Nail 641 del valore di 18,90 euro; una confezione di Filorga Tine Filler del valore di 62 euro”.

La donna è stata sottoposta a perizia psichiatrica, su richiesta della difesa, ed è emerso che era in cura con sedativi, ipnotici e ansiolitici, “tali da comportare una totale transitoria incapacità di intendere e di volere” in quanto quei medicinali possono indurre un “comportamento disadattivo clinicamente significativo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba 400 euro di cosmetici in farmacia, ma prendeva psicofarmaci: assolta per incapacità di intendere e volere
PerugiaToday è in caricamento