Cronaca

In ospedale a Città di Castello spariscono portafogli e computer, 33enne denunciata dalla Polizia

In casa è stata trovata buona parte della refurtiva e uno straniero irregolare che è stato espulso

Il personale del Commissariato della Polizia di Stato di Città di Castello ha individuato due persone, ritenute responsabili dei numerosi furti avvenuti presso l'ospedale cittadino.

Le indagini hanno permesso di appurare che una donna di 33 anni, soprattutto nelle ore serali e notturne, si introduceva all'interno del nosocomio di Città di Castello dove rubava portafogli ed altro materiale, tra cui anche computer.

La Procura della Repubblica di Perugia ha emesso un decreto di perquisizione domiciliare che ha consentito di ritrovare buona parte della refurtiva.

La donna, con precedenti specifici, si trovava in compagnia di un cittadino straniero anch'egli 33enne, irregolare sul territorio nazionale.

A carico della 33enne è scattata la denuncia in stato di libertà per il reato di furto aggravato. Per l'algerino è prevista l'espulsione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In ospedale a Città di Castello spariscono portafogli e computer, 33enne denunciata dalla Polizia

PerugiaToday è in caricamento