rotate-mobile
Domenica, 28 Maggio 2023
Cronaca Assisi

La casalinga genio dei furti: riesce a rubare 3mila euro in collane senza farsi notare

La signoraì dovrà rispondere del reato di furto aggravato, ricettazione, uso di atto falso e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso

Finisce male questa volta l’ennesima scorribanda criminale di una ladra seriale, di origini marchigiane e residente da tempo a Santa Maria degli Angeli che ha collezionato nel corso degli anni una serie innumerevoli di furti muovendosi tra le Marche e l’Umbria. Segni particolari nessuno. E già perché la signora, 53enne, si palesa come la più normale delle casalinghe, come una massaia della porta accanto ma con la più geniale e sfrontata dimestichezza nel raggiro e scaltrezza nell’esecuzione dei suoi furti.

Ed è così che la donna ci ha provato anche ad Assisi, in uno dei tanti negozi di souvenir del centro storico. La marchigiana, dopo essere entrata, si è avvicinata spedita davanti alle vetrine espositive dove erano sistemati gli oggetti in oro. Alla commessa ha detto di voler fare dei regali, così le ha chiesto di mostrarle i suoi pezzi più belli e importanti potendo spendere anche grosse cifre. Per distrarla, la signora ha chiesto di farle visionare proprio i pezzi di antiquariato più preziosi e dislocati in svariati punti del negozio.

In attesa che la commessa finisse di incartare la preziosa statua scelta come regalo, la signora la avvertiva che avrebbe fatto un salto nel negozio di fronte per visionare degli altri oggetti di suo interesse. Dopo aver aspettato invano il suo ritorno, la ragazza ha deciso di recarsi nell’altro negozio per sincerarsi di persona della presenza della donna, scoprendo però che in realtà lì non era mai entrata.

Solo a quel punto, presa dal dubbio più atroce, la ragazza ha deciso di rientrare nel proprio negozio e passarlo al setaccio, notando come all’interno della vetrina dell’oro vi fossero, al posto di alcune catene, degli evidenti spazi vuoti. Il valore del bottino si aggirava intorno a 3mila euro.

Grazie alle immagini riprese dal sistema di videosorveglianza interna del negozio, gli agenti della Commissariato di Assisi, diretto dal Commissario Capo Francesca Di Luca, hanno avviato una articolata attività info investigativa e una capillare attività di servizio e perlustrazione del territorio che ha consentito in breve tempo di identificare la donna immortalata dalle telecamere mentre con destrezza riusciva ad aprire la vetrina e impossessarsi con rapidità delle lunghe catene d’oro.

Gli uomini della Squadra Volante hanno passato al setaccio tutti i Compro Oro della zona, fino a che non sono riusciti a trovare quello presso il quale la donna aveva portato le catene poco prima rubate e che le erano fruttate appena 700 euro. Ladra scaltra sì, ma poco furba visto che i documenti forniti all’atto della transazione erano proprio quelli della donna ripresa dalle telecamere e riconosciuta dalla commessa. A seguito di un controllo dei registri del Compro Oro emergeva che la stessa era in realtà una cliente abituale.

Sono state sequestrate infatti oltre alle 4 collane asportate poche ore prima, una serie di altri monili in oro e argento che la signora aveva precedentemente portato allo stesso Compro Oro di Bastia Umbra, un bracciale in oro giallo di circa 7 grammi, un anello in oro giallo di circa 6 grammi. Scattavano così le ricerche della donna. Risultata irreperibile nell’abitazione indicata come sua residenza, gli agenti, riuscivano a bloccarla alcune ore dopo a bordo della sua autovettura mentre usciva dall’esercizio commerciale nel quale aveva tentato invano di vendere ulteriore merce della quale non riusciva a giustificarne la provenienza.

Sottoposta a perquisizione personale, gli agenti le hanno trovato infilati nella mano due fedi in oro gialli, di diverse dimensioni, senza alcun segno di usura. Ben nascosto nel vano porta oggetti è stato scovato anche un coccio di vetro rotto ad arte in modo frastagliato e appuntito e un dispositivo in acciaio per lo sblocco delle placche antitaccheggio. Infine da un controllo sull’autovettura, emergeva che la stessa era priva di copertura assicurativa dal 2014 anche se ben esposto nell’apposito alloggio del vetro anteriore lato passeggero risultava esserci un tagliando grossolanamente contraffatto con scadenza al 27 maggio 2016. Infatti il tagliando del tutto simile a quello originale era stato stampato su carta a colori e riportava i caratteri impressi con battitura a macchina. Il veicolo è stato così sottoposto a sequestro amministravo. La signora ora dovrà rispondere del reato di furto aggravato, ricettazione, uso di atto falso e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Alcuni oggetti d’oro saranno a disposizione di eventuali derubati per il riconoscimento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La casalinga genio dei furti: riesce a rubare 3mila euro in collane senza farsi notare

PerugiaToday è in caricamento