rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca Foligno

Frode a Foligno, girava in Ferrari senza dichiarare i suoi guadagni: denunciato

La Guardia di Finanza di Perugia ha scoperto un imprenditore edile che evedeva il fisco, ma girava in Ferrari e Maserati intestati alla madre ultrasessantenne

Aveva la passione per le auto di grossa cilindrata, un imprenditore edile folignate pizzicato dai finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia. Infatti, proprio partendo dal possesso delle auto di lusso le fiamme gialle folignate hanno scoperto che il 40enne imprenditore circolava con diverse auto di lusso, tra cui una Ferrari 360 Modena, una Maserati GT 3200 ed una Mercedes SLK 200 Kompressor, le due ultime intestate alla madre ultrasessantenne.

Proprio da qui sono iniziati i primi accertamenti fiscali che si sono poi sviluppati in una verifica nei confronti della società di costruzioni, di cui era amministratore nonché socio, che, a quanto accertato dai finanzieri, dimenticava di dichiarare più della metà delle proprie vendite.

L’ammontare dell’evasione accertata dai finanzieri nei confronti della società, relativamente al 2008, 2009 e 2012 si aggira su cifre da capogiro: intorno ai 7 milioni di euro per le Imposte sui Redditi e circa 760 mila euro per l’imposta sul valore aggiunto .

Il modus operandi era sempre lo stesso, infatti, si omettevano di dichiarare gran parte degli introiti derivanti dalle vendite degli appartamenti costruiti. La società aveva irregolarmente tenuto le scritture contabili rendendo difficoltosa la ricostruzione del reale volume di affari, ma l’esame dei conti correnti bancari intestati all’amministratore ed ai propri familiari, ha consentito di ricostruire l’ammontare delle transazioni economiche effettuate.

L’amministratore della società è stato denunciato per frode fiscale a norma dell'art. 4 del D.L. 74/2000.


Guarda il video

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frode a Foligno, girava in Ferrari senza dichiarare i suoi guadagni: denunciato

PerugiaToday è in caricamento