menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frecciarossa Perugia-Milano? Solo un primo passo: "Ora anche l'Alta Velocità verso Sud"

La nuova proposta di Luigi Fressoia (per Italia Nostra) e Alessio Trecchiodi (per il Comitato Ultimo Treno)

Il Frecciarossa per Milano è risultato un indiscutibile successo. Luigi Fressoia (per Italia Nostra) e Alessio Trecchiodi (per il Comitato Ultimo Treno), prendono carta e penna per scrivere al Presidente della  Regione, al Sindaco di Perugia e a tutti i Sindaci dell’Umbria affinché prendano coscienza di una necessità: l’estensione del servizio anche verso il Sud Italia.

Dopo aver ricordato il convegno alla Sala dei Notari del 25 Marzo 2017 (“Fontivegge-Milano in Tre Ore”) e la loro proposta Alta Velocità Ferroviaria in Umbria, ribadiscono e propongono, di nuovo, l’istituzione di unanalogo servizio in direzione sud.
Ma cosa chiedono in concreto?

“Fare verso sud quanto appena fatto verso nord. Ovvero proporre a Trenitalia di anticipare su Perugia i Frecciargento già esistenti, Roma-Reggio Calabria, così che il capoluogo umbro risulti collegato alla città dello Stretto in meno di sette ore senza mai cambiare vettura e toccando Roma, Napoli, Salerno e le maggiori città della costa tirrenica”.

Spiegano la proposta con una chiarezza e  un’evidenza lapalissiane.
Aggiungono: “Quanto al Frecciarossa per Milano-Torino, è necessario attivare il convoglio corrispondente, tale che da Torino-Milano di prima mattina parta alla volta dell’Umbria fino Terni, con ritorno in serata”.

In che modo operare?

Nello specifico: “Delle circa cento coppie di Freccia che quotidianamente impegnano la Direttissima Firenze-Roma, almeno due coppie domenicali fermino a Orvieto, sia a salire che a scendere”.

L’iniziativa non sarebbe priva di risvolti turistici ed economici. Si tratterebbe, infatti, di: “Promuovere una campagna pubblicitaria in tutto il nord Italia, e pure fino Napoli e Salerno, dal titolo ‘L’Umbria in un Giorno’ che comporterebbe positive ricadute culturali e finanziarie”.
Ci pare opportuno propagandare questa richiesta, attraverso le nostre colonne. Analogamente a quanto abbiamo fatto per il Frecciarossa di recente istituzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento