Il blog di Franco Parlavecchio | Caso Suarez, la cattiva lezione: chi è ricco e famoso... merita l'aiutino

Luis Suárez, detto El Pistolero, pensava che fosse bastato assaggiare la spalla di Chiellini per conoscere il gusto della lingua italiana. L’Università per Stranieri di Perugia pensava che bastasse invitare un calciatore famoso per avere pubblicità gratuita per l’ateneo. La stessa Università pensava fosse più facile guadagnare prestigio con calciatori analfabeti seriali piuttosto che con la promozione di cervelli brillanti, che per l'ennesima volta, da questa vicenda, escono mortificati.

Altri pensavano che fosse sufficiente essere famoso e calciare bene un pallone per far durare un esame un quarto del tempo richiesto per qualsiasi persona normale. Gli stessi pensavano che qualora un ignorante guadagni ogni mese quanto un intero quartiere, questi avrebbe avuto diritto ad altri vantaggi da questo mondo, compreso il favore degli atenei che, vocati a luoghi di imparzialità e conoscenza, in un attimo sarebbero stati pronti a chinarsi di fonte al potere. Qualcun altro pensava che declinare tutti i verbi all’infinito fosse una licenza poetica.

I tifosi pensavano che fare un selfie con un futuro cittadino italiano, privilegiato, raccomandato e trattato come un eroe, sarebbe stato un onore e non una vergogna. Una squadra famosa pensava fosse necessario convincere qualche professore-arbitro che per ottenere la cittadinanza italiana e far diventare comunitario un calciatore bastasse segnare un gol in fuorigioco, di mano, commettendo un fallo. Tutti pensavano che bastasse guadagnare più di 10 milioni di euro l’anno per avere il mondo ai propri piedi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Io penso al modello Italia, quello dei nani, ballerini e calciatori, quello che se nasci genio della letteratura, della scienza o della musica, con le tasche sempre vuote, nessuno si accorgerà mai di te.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento