I residenti di Fontivegge non abbassano la guardia: "Non vogliamo un altro afro market nel quartiere"

La battaglia dei residenti del quartiere di Fontivegge per il ripristino della legalità, continua. Presentata anche la bozza di statuto di un comitato cittadino per poter operare in campo sociale, istituzionale e culturale

La battaglia dei residenti del quartiere di Fontivegge per il ripristino della legalità, continua. Tra i punti da affrontare nel corso delle riunioni, il cui primo incontro si è svolto ieri (lunedì 9 luglio, ndr), alla presenza di una ventina di cittadini, anche la presentazione della bozza di statuto di un comitato cittadino per poter interagire e operare in campo sociale, istituzionale e culturale. Uno strumento in più che possa dialogare con l'amministrazione comunale, con le forze dell'ordine e con tutti gli enti preposti per la salvaguardia del proprio quartiere, che nel passato è stata una piazza "ambìta" per le attività di spaccio.

Ma all'ordine del giorno, c'è anche la preoccupazione per i residenti che possano riaffacciarsi sulla scena nuovi ricettacoli di spaccio e illegalità . "La situazione più impellente  - chiarisce il presidente del Comitato Progetto Fontivegge, Giulietto Albioni - è apparsa sicuramente la ventilata apertura di un altro african market nei locali della ex Autoscuola Galli. Apertura in una zona già interessata in passato da un' attività gestita da nigeriani che nascondeva un fiorente spaccio di droga e che per questo venne, dopo lunghe indagini, chiusa definitivamente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro punto che verrà sicuramente affrontato dai residenti nelle prossime riunioni, anche l'apertura del posto fisso di polizia con cui il Comitato, nel corso degli due ultimi anni, si era già battuto alacremente chiedendo, tramite una raccolta firme arrivata a circa 1400 adesioni, un presidio h24 per contrastare ogni fenomeno illegale del quartiere, dalla prostituzione alla droga alle risse per strada. Intanto, come annunciato con un post su Facebook, la prossima riunione si terrà nei locali della Ditta Valeri il prossimo lunedì  alle ore 21,00 e aperta a chiunque voglia partecipare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento