menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

INVIATO SPECIALE La Fonte del Piscinello, e zone adiacenti, in mano ai balordi

Quel luogo è diventato uno scempio. Scritte di ogni genere sono vergate sui muri adiacenti, e in particolare sulla vecchia cabina dell'energia elettrica

Piscinello e dintorni in mano ai balordi. È un’antica fonte urbana, che porta peraltro una scritta di divieto “Immondezze qui non si gettino, né si lavi alcun drappo. Veglia la legge”. Per dire che i comportamenti dovevano essere adeguati alla tutela e al rispetto dei luoghi. Se i perugini del medioevo vedessero quello che oggi vi accade, si rivolterebbero nella tomba. Perché quel luogo è diventato uno scempio. Scritte di ogni genere sono vergate sui muri adiacenti, e in particolare sulla vecchia cabina dell’energia elettrica.

Quel manufatto in laterizi è tutto sbucherellato. “Porta i segni del lavoro di scavo effettuato dagli spacciatori per nascondervi la roba”, dicono dei residenti di prossimità. L’accesso all’antico cunicolo attraverso la porta in pietra è stato finalmente serrato, dato che il perno inferiore era stato forzato e i malandrini vi entravano per nascondere certa roba. Ora è chiuso, ma accedono al cunicolo da un’altra parte.

“Entrano dal nostro giardino”, affermano gli eredi (Francesco e Filippo) del grande architetto perugino Bruno Signorini che hanno una proprietà adiacente alla Fonte. Ne parlano col cronista in modo cordiale e disincantato, ma inequivocabile, in presenza di un amico geologo. Aggiungono: “La notte, indisturbati, i malviventi si piazzano comodamente con un tavolino e sedie a preparare la loro roba. Tanto non vengono infastiditi da nessuno e c’è una discreta illuminazione”. L’esito di quei “lavoretti” si vede, pare, da certi residui inequivocabili.

Questo luogo è caro anche alla sorella, l’architetto Giovanna la quale, tempo fa, ci raccontò di essere particolarmente affezionata alla fonte, di proprietà comunale, ma legata alla sua famiglia. Furono suo nonno materno – il grande architetto perugino Giuseppe Frenguelli – e suo padre Bruno a piazzare le due vasche e a murare i due “docci” (“ductus”) dai quali sgorga copiosa l’acqua in ogni stagione. “Le recuperarono – dice – da non so dove, e le piazzarono sul posto, ma l’accostamento risulta efficace, pur non trattandosi di materiali coevi”.

Ma prosegue il racconto di Francesco e Filippo: “I malandrini, già che ci sono, rubacchiano quello che c’è nell’orto: fanno incetta di ciliegie, di pomodori e quanto a loro serve”. Insomma: “fanno spesa”, rifornendosi di frutta e verdure. Ma non è il caso di piazzare una telecamera? “Ci stiamo pensando e ne abbiamo parlato Probabilmente lo faremo!”.

Verosimilmente, sarebbe utile tenere d’occhio la zona. Se poi si decidesse di farlo – da parte pubblica – con un occhio elettronico, il controllo sarebbe più costante ed efficace. Ma lasciare all’incuria uno dei luoghi antichi più belli della città appare veramente sbagliato.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento