Follia in via Mazzini, aggredisce a calci la moglie che tiene per mano i figli piccoli. Fermato dai militari

L'uomo ha minacciato un avvocato che era intervenuto per fermare la violenza. Per essere più libero voleva consegnare alla donna il figlio che teneva nel marsupio

Scena di follia in via Mazzini all’ora di pranzo, intorno alle 13. Chi usciva dalle Poste o dal Tribunale e chi era seduto ai tavoli dei vari locali, ha assistito ad una scena di violenza con un uomo che ha aggredito una donna a calci.

Secondo i testimoni che hanno assistito alla scena, un avvocato in particolare che ha provato a fermare l’aggressione, finendo minacciato, e due ragazze che passavano da lì, un magrebino con un figlio piccolo sulla schiena (tenuto con un marsupio-zaino per bambini) ha iniziato a sferrare calci alla moglie, o compagna, italiana, che teneva per mano gli altri due figli, sempre piccoli.

Un avvocato è intervenuto per fermare la violenza, ma è stato minacciato dal magrebino che voleva consegnare il figlio piccolo alla donna per poter picchiare l’avvocato. Allontanatosi il legale ha chiamato i Carabinieri, anche se lo straniero è stato fermato dai militari che piantonano l’ingresso del Tribunale civile.

L’uomo è tenuto sotto controllo dai militari, in attesa dei Carabinieri, con tutto un capannello di tossici e sbandati (volti noti a chi frequenta il centro) che cercano di giustificarlo e di convincere i militari a lasciarlo andare. Anche la donna, nonostante l’aggressione, difende l’uomo e nega i calci (ai quali hanno assistito tre testimoni).

I Carabinieri sono arrivati sul posto alle 13.30 e stanno procedendo all’identificazione del soggetto (per altro noto alle forze dell’ordine). Al contempo viene segnalata la presenza di una donna, italiana, accompagnata ad un altro magrebino, che sta parlando con i testimoni della scena, cercando di convincerli a desistere dal raccontare ai Carabinieri quello che hanno visto, avvertendoli che ne andrebbe delle loro sicurezza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Dramma in via Canali, donna di 49 anni trovata morta in un parcheggio

  • Incidente lungo la E45, 23enne in gravissime condizioni: è in prognosi riservata

  • Perde il controllo del ciclomotore e finisce a terra, muore a 43 anni

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento