menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontrini col trucco: ristorante cinese evade 400mila euro di tasse

Blitz della guardia di Finanza di Foligno che scopre il "giochetto" dell'imprenditore e lo costringe a pagare tutto. Ecco come nascondeva i soldi al Fisco

Scontrini emessi e poi annullati. Così un ristorante cinese di Foligno evadeva il fisco. Un trucchetto ben studiato: a occhio nudo sembrava tutto assolutamente regolare. Ma a guardare molto attentamente in basso, ecco spuntare la voce: annullato.  

Ogni misuratore fiscale, spiegano dalla Finanza, consente all’esercente, incorso in errori di digitazione, di potervi ovviare attraverso una semplice procedura  prima del rilascio definitivo del documento. In questo modo, l’effetto che il ristoratore realizzava era duplice: da un lato, induceva in inganno il proprio  cliente, convinto di essere in possesso di un regolare documento, dall’altro, occultava all’Erario tutti quegli incassi sottoposti fraudolentemente alla  procedura di annullamento.

La ricostruzione del reale fatturato dell’impresa, effettuata dalle Fiamme Gialle di Foligno,  ha consentito di accertare un’evasione di oltre 400.000 euro. L’imprenditore, al termine dell’attività ispettiva, ha regolarizzato la propria posizione fiscale, come rilevata dai Finanzieri, ricorrendo all’accertamento con adesione. E cioè un “istituto” che consente la completa definizione delle imposte dovute, la riduzione delle relative sanzioni amministrative evitando, in tal modo, anche l’insorgere di una lite tributaria. In pratica ha sistemato tutto. Per il momento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento