menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scandalo esami gratis per amici e parenti: prosciolti tutti, medici ed infermieri

I reati ipotizzati andavano dalla truffa, falso ed esercizio abusivo della professione medica. Secondo il Gup rischiano solo, in teoria, una sanzione amministrativa


"Il fatto non è previsto dalla legge come reato": con questa formula il gup di Perugia ha prosciolto oggi una sessantina tra medici e infermieri dell'ospedale di Foligno che erano accusati di avere utilizzato falsi ricoverie di parenti e amici per non fare pagare loro gli accertamenti clinici ai quali si dovevano sottoporre e scavalcare così le file. I reati ipotizzati andavano dalla truffa, falso ed esercizio abusivo della professione medica. Secondo il Gup sarebbe infatti configurabile il 316 ter del codice penale, cioè l'indebita percezioni di erogazioni in danno dello Stato. Quando però la somma oggetto di contestazione è inferiore a 4 mila euro è prevista solo l'applicazione di una sanzione amministrativa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento